La Ue rinvia ancora la direttiva anti-evasione che obbligherebbe le multinazionali a rendere pubblici i propri dati contabili e fiscali, ovvero quante tasse pagano in ogni Paese Ue. “Tristemente, non è possibile raggiungere un approccio generale oggi, ma la presidenza finlandese dell’Ue resta impegnata a lavorare ancora sul dossier”, ha detto il ministro finlandese del Lavoro, Timo Harakka, durante il Consiglio competitività. Transparency International parla di “oltraggio” da parte degli Stati che per oltre 18 mesi non hanno fatto alcun progresso. “Ovunque in Ue il pubblico è scontento delle multinazionali, come Starbucks e Amazon, che nascondono le tasse che pagano nei Paesi dove operano”, ha commentato Elena Gaita di Transparency.

Tra i 28 ministri restano ancora tante le divisioni sul testo discusso. Tra i favorevoli Francia, Italia, Olanda, Belgio, e Spagna. Contrari alcuni soliti noti che si oppongono a ogni decisione in materia di fisco cioè Irlanda, Malta, Lussemburgo, Cipro, a cui si uniscono stavolta anche Svezia e Austria. La Germania si è astenuta. Il testo della direttiva sul ‘Country by Country reporting‘ è stato presentato dalla Commissione nel 2016, insieme al pacchetto di regole più stringenti per contrastare la pianificazione fiscale aggressiva delle multinazionali dopo gli scandali LuxLeaks e Panama Papers.

“Ci rammarichiamo che il Consiglio non abbia potuto raggiungere un compromesso”, ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen, al termine del Consiglio competitività. “E’ molto importante per il funzionamento del mercato interno, è una questione di equità che le multinazionali paghino le tasse e informino gli altri componenti della società di quanto pagano. Spero si possa andare avanti entro fine anno”, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto sisma, i professionisti: “Blocca la ricostruzione, troppa burocrazia sui piccoli abusi”. Il commissario: “Servono controlli”

next
Articolo Successivo

Alitalia, Patuanelli: “Nuovo mandato ai commissari per garantire integrità aziendale. Lufthansa? C’è solo interesse commerciale”

next