Omonimia in sala trapianti. E il paziente sbagliato viene operato. È accaduto nell’ospedale Virtua Our Lady of Lourdes di Camden, nel New Jersey. Complice gli stessi nome e cognome, un signore che era in fondo ad una lunga lista d’attesa è finito improvvisamente in sala operatoria per un trapianto di reni. Lo ha ammesso la stessa amministrazione dell’ospedale della East Coast, dopo essersi scusata in maniera diretta con il paziente erroneamente rimasto ad attendere. “È un evento senza precedenti che speriamo non si verifichi mai più”, ha spiegato il direttore dell’ospedale. “Abbiamo una grande responsabilità nei confronti delle persone che mettono letteralmente la loro vita nelle nostre mani. Errori di questo tipo sono rari e, nonostante le circostanze insolite di identità simili dei pazienti, un’ulteriore verifica lo avrebbe impedito”. Lo staff ospedaliero ha comunque immediatamente rimediato operando anche il povero paziente declassato quando la sua cartella segnalava l’urgenza dell’intervento. Dall’ospedale fanno comunque sapere che entrambi i trapianti di rene sono andati a buon fine e che i due pazienti stanno bene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Uomo di 63 anni muore dopo esser stato leccato dal suo cane: “Era sano, non aveva altre patologie”

next
Articolo Successivo

75enne trovata morta in casa, la polizia scopre il cadavere del marito fatto a pezzi e conservato nel freezer: “Era lì da almeno 12 anni”

next