Un uomo di 63 anni è morto dopo esser stato leccato dal suo cane. È successo in Germania, come riferisce il Washington Post, e il caso è stato descritto in un articolo pubblicato sull’European Journal of Case Reports. L’uomo si è presentato in ospedale con sintomi simili a quelli influenzali, come dolori articolari, respiro affannoso e strane macchie rotonde sulla pelle. Il suo battito cardiaco era stabile e i medici non riuscivano a capire quale fosse il problema dal momento che il paziente era sano e non era stato in ospedale di recente. Sospettavano si trattasse di una qualche infezione batterica ma non aveva ferite aperte e era esclusa la meningite. Solo al quarto giorno di ricovero dagli esami del sangue è emerso che l’uomo era stato infettato da un particolare tipo di batterio presente nella saliva di cani e gatti sani che solitamente viene trasmesso all’uomo solo in rari casi e con il morso.

Una volta stabilito che si trattava quindi di un’infezione da Capnocytophaga Canimorsus trasmessagli dal suo cane con una leccata, i medici hanno iniziato a somministrare al paziente una cura antibiotica ma le sue condizioni non accennavano a migliorare. Subito è stato trasferito in terapia intensiva ma nel giro di poche settimane l’uomo è morto. Nel loro articolo sull’European Journal of Case Reports, i medici che hanno seguito il caso del 63enne tedesco hanno sottolineato come le infezioni da C. Canimorsus non solo sono molto rare ma in genere colpiscono soggetti già immunodepressi o affetti da gravi patologie o, ancora, con problemi di abuso di alcol, tutti fattori che il paziente in questione non aveva.

L’ultimo caso era avvenuto a luglio, quando a una donna dell’Ohio furono amputate entrambe le braccia e parzialmente anche le gambe al suo risveglio da un coma causato da C. canimorsus, come riferisce Fox 8 Cleveland.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Arrestato il lanciatore seriale di escrementi: prima di colpire sorrideva alle sue vittime

next
Articolo Successivo

Due omonimi in attesa di un trapianto di reni, chirurghi operano il paziente sbagliato

next