La musica che accompagna i braccianti di ieri e di oggi. Dalle canzoni delle campagne del mezzogiorno fino alla musica africana e reggae per denunciare il caporalato e raccontare le speranze delle persone che sono vittime di sfruttamento. L’Orchestra dei braccianti è un progetto di Terra! Onlus che porta la musica dei ghetti fuori dalle campagne, per denunciare le condizioni di vita dei braccianti.

“Cosa c’è dietro un barattolo di passata di pomodoro che costa 60 centesimi?”, chiede Alessandro Nosenzo, direttore artistico dell’Orchestra dei Braccianti, all’inizio del concerto che si è tenuto all’Auditorium Flog di Firenze, nel festival Musica dei Popoli, rassegna che si chiude oggi giovedì 28 novembre. La risposta è nelle storie dei componenti dell’orchestra, 16 musicisti che provengono da Italia, Francia, Gambia, Ghana, Nigeria, USA, India, Libia e Tunisia. Alcuni di loro lavorano ancora sotto caporale nei campi di Borgo Mezzanone (Foggia), come Ndongo, arrivato dal Gambia. Ci sono anche le storie di chi è riuscito a uscire dallo sfruttamento del caporalato, come Joshua, nigeriano che ha lasciato il suo paese tre anni fa, dove le persone albine subiscono discriminazioni e violenze, per arrivare in Italia a raccogliere olive, uva e meloni durante giornate lavorative di 8-12 ore, pagate 20-30 euro. Adesso vive nella zona dei Castelli Romani e lavora in un allevamento di cavalli, con un contratto regolare.

Secondo l’ultimo rapporto Agromafie e Caporalato dell’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai-Cgil ci sono oltre un milione di braccianti in Italia, il 28 percento dei quali sono migranti, dato al quale va sommato il lavoro sommerso. “Nessuno dovrebbe vivere la vita del ghetto”, conclude Joshua, “con la musica dobbiamo far conoscere fuori dal ghetto lo sfruttamento che si vive nelle campagne “.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Solo uomini nominati per guidare le società controllate di Cassa depositi e prestiti. La battaglia contro i pregiudizi è ancora lunga”

prev
Articolo Successivo

Violenza sulle donne, lo spot della Taffo le vittimizza (e non ne riconosce la forza)

next