“Le nomine ai vertici delle società controllate di Cassa Depositi e Prestiti, decisamente declinate al maschile, rappresentano un’occasione persa per le politiche di genere e sono l’ennesima dimostrazione di quanto sia in salita la scalata delle donne”. E’ stato questo il commento delle deputate del Partito democratico alla lista di nomi scelti per guidare nove aziende che fanno capo a Cdp. Presidenti e amministratori delegati sono tutti maschi, anche se nei cda ci sono anche donne. “In questa triste vicenda regna un’ipocrisia di fondo, segno che la battaglia contro i pregiudizi è ancora lunga”, si legge nella nota delle deputate.

“Senza nulla togliere alle professionalità dei nominati, non riteniamo possibile che non se ne sia trovata nemmeno una tra le numerosissime competenze femminili italiane. Si tratta di un duro colpo alla rappresentanza di genere, che pone in essere una vera e propria discriminazione nei riguardi delle donne. Quanto avvenuto è davvero inaccettabile e un insulto a tutte coloro che hanno la preparazione necessaria per assumere quei ruoli. Parliamo sempre del cosiddetto ‘gender gap’, ma non si passa mai dalle parole ai fatti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Forlì, Lega dice no a progetto finanziato dalla Regione contro violenza di genere e omofobia: “Noi sosteniamo la famiglia tradizionale”

prev
Articolo Successivo

Caporalato, l’Orchestra dei braccianti porta la musica fuori dai ghetti: “Suoniamo per denunciare lo sfruttamento nella campagne”

next