“Posso dire una cosa, era così una bella serata ma adesso c’è Live-Non è la D’Urso“, dice Ezio Greggio sul finale di Striscia la Notizia. Iacchetti rilancia: “Non sia giù di morale, lo dice il titolo stesso non c’è la D’Urso”, il collega esulta: “Menomale che bella notizia.” Il siparietto nel tg satirico regala una promozione atipica al programma che segue, strappando qualche sorriso ad alcuni ma concedendo anche l’occasione ad altri di sottolineare uno spirito poco aziendalista dei due conduttori.

Sui social non passa inosservato un fuorionda caricato sul sito della trasmissione pubblicato il 23 novembre: “Cosa combinano Ezio ed Enzo fuorionda? Momenti di ilarità in studio tra i nostri conduttori che non riescono a smettere di ridere durante le registrazioni di Striscia“. I due volti della trasmissione sorridono e non riescono a concludere il lancio, il cane sale sul bancone e Greggio dice testualmente: “Vai da Barbara D’Urso che è una collega. Vai su“.

Per alcuni utenti, molti senza nome e cognome, Greggio avrebbe in questo modo dato della “cagna” a Carmelita, come la chiamano i suoi fan. Molto più probabile che il riferimento fosse riferito non alla donna ma alla professionista e alla sua tv “da cani”, aspetto che si potrebbe comunque ritenere offensivo. E’ opportuno ricordare che è stato proprio il tg satirico a pubblicare il fuorionda, se l’intento fosse stato quello di colpire la collega in quanto donna lo avrebbe ugualmente diffuso?

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Che tempo che fa, Tiziano Ferro e il suo monologo contro il bullismo: “Put**na, nano, fr*cio, mongoloide, pezzente… Le parole hanno un peso”

next
Articolo Successivo

Shirin Ebadi, il Premio Nobel per la Pace a Storie Italiane: “Hanno affittato un appartamento per spiarmi. Sono minacciata ma non staro mai zitta”

next