Grandi manovre in Enel: entro il 2022, il colosso dell’energia ambisce ad ampliare la sua rete globale di colonnine di ricarica per auto elettriche fino a 736 mila punti di rifornimento, pubblici e privati. Un piano di espansione enorme se si considera che l’obiettivo infrastrutturale per il 2019 è di 82 mila unità. Pertanto, Enel è disposta a mettere sul piatto 1,1 miliardi di investimenti: cifra destinata a “l’implementazione in corso di servizi e infrastrutture a supporto della decarbonizzazione e dell’elettrificazione“.

Fa parte del piano anche lo sviluppo di piattaforme di gestione della mobilità elettrica e dei sistemi V2G (vehicle-to-grid), che consentiranno una dislocazione più efficiente dell’energia in base alle necessità. Ovviamente, tutto questo farà crescere i ricavi di Enel X, la divisione di Enel dedicata alla mobilità, dai 230 milioni di euro stimati per il 2019 a 536 milioni nel 2022. Giova ricordare che la compagnia fa parte del consorzio Ionity, creato in sinergia con BMW, Daimler, Ford e dalla Volkswagen per creare una rete di ricarica capillare in tutta Europa.

Notizie che arrivano nel giorno in cui Aci, Cnr e Enea, che hanno partecipato alla Conferenza del traffico e della circolazione, fanno sapere che l’Italia non raggiungerà l’obiettivo 2030 di ridurre a 49 milioni di tonnellate di CO2 equivalente le emissioni di gas serra derivanti dal settore automobilistico: infatti, in assenza di incentivi, difficilmente si riuscirà a stare sotto quota 54,5 milioni, l’11% in più rispetto a quanto preventivato.

Sempre che non si decida di incentivare la sostituzione dei mezzi più vecchi e inquinanti, pubblici e privati, e la mobilità pubblica, condivisa e ciclopedonale. Dai dati, infatti, emerge che quasi 14 milioni di auto sono ante euro 4 (il 35% del parco circolante) e gli autobus diesel Euro 3 rappresentano il 60% del parco autobus nazionale, che andrebbero sostituiti con vetture dal minore impatto ambientale o se non addirittura da modelli elettrici alimentati da energie rinnovabili. Lo studio sottolinea “il rilevante contributo che anche i veicoli ibridi, a metano e GPL potranno offrire al raggiungimento dei target ambientali”.

“È fondamentale favorire la diffusione della tecnologia di integrazione tra i veicoli e la rete elettrica e contemporaneamente creare una rete adeguata, con l’obiettivo rilanciare il settore coniugando gli interessi delle aziende e dei consumatori. Questo potrà offrirci un contributo per centrare gli ambiziosi obiettivi che intendiamo sostenere”. È quanto sostenuto dal ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, alla Conferenza.

“Si prevede infatti – scrive il ministro – che il comparto dei trasporti dia un contributo in termini di riduzione di emissione al 2030 rispetto al 2005 pari a circa 46 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti passando da 125 milioni di tonnellate di CO2 equivalente a 79 milioni al 2030. A questo obiettivo possiamo arrivare solo attivando diverse misure nazionali e locali, su cui stiamo già lavorando. È stato inoltre convocato il tavolo sul settore automotive al quale hanno partecipato i rappresentanti di oltre 50 associazioni aziende e sindacati”.

Tuttavia, lo studio Aci, Cnr e Enea mette in evidenza un dato di fatto: “con la diffusione dell‘auto elettrica e con i minori consumi legati al progresso dei motori, si ridurranno le entrate fiscali derivanti dalle accise sui carburanti che nel 2018 hanno generato – per le sole autovetture – entrate pari a 18,474 miliardi”. Ma appare ovvio che, quando i numeri del parco circolante elettrico saranno di massa, le accise arriveranno anche sull’elettricità destinata alla mobilità, facendo schizzare in alto la tariffe della corrente elettrica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cartello dell’acciaio, in Germania multa da 100 milioni per Bmw, Daimler e Volkswagen

prev
Articolo Successivo

Auto, in Italia sono tante e vecchie. E la mobilità condivisa non cresce abbastanza

next