Per analizzare il fenomeno delle piazze inondate di sardine bisogna ricorrere a una citazione cinematografica: una scena, in particolare, che noi genitori abbiamo spiegato più volte ai nostri figli mentre guardavamo insieme il film. Si tratta della nota pellicola di animazione della Pixar, Alla ricerca di Nemo, e la scena in questione è quella della fuga dalla rete.

Rappresenta perfettamente ciò che sta accadendo, mostrando l’enorme potenziale di questo fenomeno che possiamo definire di liberazione sociale o social. Dalla rete occupata dalla politica mediocre ci si può liberare, solo a patto che tutti insieme si nuoti fisicamente nella direzione opposta. L’Emilia è il laboratorio, ma ben presto in tutta Italia le piazze si animeranno di questi ragazzi che in migliaia ci inciteranno a nuotare per liberarci.

È stato anche fin troppo semplice osservare la Bestia di Luca Morisi al lavoro e agire per invertirne l’ascesa e determinandone una discesa, fino a schiantarsi sul fondo, proprio come accade nel finale del film. Non a caso la soluzione nel film la propone Nemo – appena ritrovato – dicendo al padre “fidati, funzionerà!”. Ed è quello che ci dicono oggi questi giovani che, attingendo dalla loro esperienza, ci esortano a scendere in piazza come fossimo tutti pesci finiti in una rete e dalle cui maglie possiamo sfuggire solo nuotando nel senso contrario.

“Nuota e nuota”, incitano Nemo e Doris, ed è inutile farsi troppe domande: non c’è tempo, non bisogna chiedersi “ma dove andremo e dove finiremo”. Dobbiamo solo fidarci dei nostri figli, che per ora vogliono solo spezzare quel cavo che sorregge la rete a strascico nella quale siamo tutti imprigionati. Tutti insieme, fisicamente uniti, e il futuro “funzionerà”. Non tutti insieme in quanto seguaci e cliccatori, ma in quanto persone in piazza, sviluppando un’energia umana invincibile.

Alla fine delle sue avventure è il piccolo Nemo che convince il genitore su quella che sarà la soluzione vincente, non viceversa. Allo stesso modo dovremo abituarci all’idea che i nostri figli troveranno le soluzioni migliori per il futuro. Noi dobbiamo solo fidarci, perché funzionerà solo abbandonando quelle nostre convinzioni e analisi che fino a oggi ci hanno portato solo a finire nel sacco.

Eravamo tutti paralizzati dalla rassegnazione, oggi siamo meno impauriti e andiamo in piazza sfidando pioggia e freddo solo per stare uniti e stretti come sardine. Ci andiamo col sorriso e cantiamo Bella Ciao. Vi sembra poco?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi a cena con Briatore in Arabia Saudita: il video dal ristorante del Billionaire di Riyad

next
Articolo Successivo

Maltempo, Conte: “Stanziati 11 miliardi di euro per dissesto idrogeologico, bisogna accelerare per far partire i cantieri”

next