Ylenia Carrisi non è morta ed è ancora viva? Ne è convinta Romina Power, la mamma della ragazza che ormai venticinque anni fa è scomparsa nel nulla a New Orleans. Era il gennaio del 1994. Ancora una volta a dare risalto alla vicenda è la trasmissione “Chi L’ha Visto?”. Durante la puntata del 20 novembre, la cantante americana ha voluto lanciare un appello (l’ennesimo): “Novembre è il mese di nascita di Ylenia. In questo mese, io posto una sua fotografia ogni giorno, nel caso qualcuno la riconosca. Sono passati 25 anni dalla sua scomparsa, ma nel cuore di una madre la speranza non muore mai. La speranza di poterla riabbracciare”, ha affermato in un video inviato alla redazione del programma. D’altronde, Romina non si è mai data per vinta e ha sempre sostenuto che sua figlia sia ancora in vita.

Ventiquattrenne nel momento della scomparsa, oggi la figlia di Al Bano Carrisi e Romina avrebbe 49 anni. La trasmissione di Rai3 ha mostrato un identikit di come potrebbe diventata oggi la donna. Lo ha fatto attraverso le foto “age progressed” realizzate dall’antropologa forense Chantal Milani, che mostrano gli invecchiamenti e i possibili cambiamenti di Ylenia. Federica Sciarelli ha poi raccontato ai suoi telespettatori di dedicare ancora ampio spazio a questa vicenda perché si sente vicina alla famiglia della giovane. “Perché non sono del tutto perse le speranze che sia viva”, ha detto la conduttrice

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giuseppe Conte a Fiorello: “So che fai la mia imitazione. E’ molto grave, questa è una minaccia, un giorno verrò a trovarti”

next
Articolo Successivo

La ‘Notte Perfetta di Cristiano Malgioglio: “In anteprima a Verissimo presento il mio nuovo singolo: sarò Monica Bellucci”

next