Peculato, falso ideologico e materiale ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Sono sei le persone finite agli arresti domiciliari nell’ambito di una inchiesta della procura di Napoli sul Cnr (Consiglio nazionale delle Ricerche) con queste accuse. I militari della Guardia di finanza, su ordine del gip, hanno eseguito sei arresti: ai domiciliari tre funzionari, un commercialista e due consulenti esterni. Eseguito il sequestro per 2 milioni e 300 mila euro.

Le false consulenze finite al centro delle indagini ai danni dell’istituto di ricerca riguardano affidamenti il periodo 2010-2016. Tutto, secondo gli investigatori delle Fiamme gialle e gli inquirenti della Procura, è stato reso possibile grazie a un collaudato gruppo criminale, dove il deus ex machina era un funzionario del Cnr, Massimiliano Di Bitetto, diventato direttore generale considerato “promotore e regista dell’intera organizzazione”, con la collaborazione di Paolo D’Anselmi e Simone Morganti, quali amministratori di società operanti nel settore delle consulenze ad imprese, Michele Cilli, “tenutario” delle scritture contabili delle società coinvolte nel disegno criminoso, nonché con l’intervento di altri soggetti “prestanomi” e/o “partecipanti all’associazione”.

Grazie a imprenditori coinvolti, sarebbero state utilizzate, a rotazione, oltre 20 società, intestate a prestanome e in molti casi prive di strutture organizzative e di personale, create al solo scopo di beneficiare dei contratti relativi alle consulenze fittizie, mai realizzate, affidate sia dall’Iamc (Istituto per l’Ambiente Marino Costiero) di Napoli che da altre strutture dello stesso Consiglio Nazionale. Individuate false consulenze per oltre 2 milioni e 226 mila euro nonché rilevate fatture per operazioni inesistenti per un imponibile di oltre 1 milione e 846 mila euro ed Iva per 380 euro ascrivibili ai diversi denunciati. Due anni fa il segretario dello Iamc fu indagato per l’utilizzo dei soldi pubblici, tra le altre cose, per ristrutturarsi casa,

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ini, ricatto per un incarico da 250mila euro: ai domiciliari carabiniere e sindacalista. Indagato Barillari, consigliere M5s Lazio

next
Articolo Successivo

Bullismo, la nuova proposta di legge punta a rieducare i responsabili. Finalmente

next