Donne, motori e tecnologia. Ecco il mix perfetto per risolvere un problema che esiste da quando è stata inventata l’automobile: i punti ciechi. È di pochi giorni fa la notizia che Alaina Gassler, una studentessa 14enne di West Grove in Pennsylvania, ha progettato una soluzione a questo problema ancora irrisolto.

Legato alla struttura stessa dell’auto, l’angolo morto è stato, e continua a essere, un problema che ha provocato molti incidenti. Negli ultimi anni sempre più auto hanno installato, di serie o come optional, il Blis: Blind spot information system, che consiste in una telecamera installata sui retrovisori. Quando un veicolo entra nell’area monitorata, si accende una spia che avvisa il guidatore. Mai però, fino a ora, era stata trovata una soluzione definitiva. Ecco adesso che l’angolo morto rimarrà un lontano ricordo, che le generazioni future non conosceranno più.

Il progetto di Alaina prevede l’utilizzo di un sistema di webcam, un proiettore e una serie di componenti stampate in 3d. La webcam viene posizionata all’esterno, rivolta in direzione dell’angolo cieco; successivamente le immagini raccolte vengono proiettate in tempo reale in un proiettore che si trova all’interno dell’abitacolo e visualizzate direttamente sul montante, rivestito con un tessuto catarifrangente per fare in modo che le immagini arrivino solo al guidatore.

Si tratta di un prototipo presentato in occasione di una manifestazione scolastica e la stessa Alaina ha detto che può essere migliorato, magari sostituendo il proiettore e il tessuto con uno schermo Lcd. Adesso questo progetto si troverà a competere con i brevetti sui quali stanno lavorando ingegneri di tante case automobilistiche.

Intanto si è accaparrata il primo premio della Broadcom masters science and engineering competition, che aveva in palio un montepremi di 25mila dollari. Chissà che il nome di Alaina Glassler non vada ad aggiungersi a quello delle altre donne che hanno cambiato il mondo dell’auto introducendo innovazioni che usiamo nella nostra quotidianità, senza nemmeno saperlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strade pericolose, 76 incidenti su 100 sono nei centri abitati. Il rischio maggiore è sulle autostrade urbane

prev
Articolo Successivo

John Elkann punta sull’editoria e compra da De Benedetti. Così il nuovo eroe ‘si libera’ dell’auto

next