Oltre 1500 eventi in 350 luoghi della città, con più di 3000 ospiti e un unico protagonista: il libro. Questo è il programma di BookCity 2019, la rassegna dedicata ai libri, ormai giunta alla nona edizione, in corso di svolgimento fino a domenica 17 novembre a Milano.

“Anche quest’anno abbiamo invaso di eventi culturali tutta la città”, racconta soddisfatto il regista della manifestazione Oliviero Ponte di Pino, mentre corre da un incontro all’altro. “Due le linee guida: l’apertura al mondo, con grandi nomi e temi di rilievo internazionale, e il radicamento territoriale, con tanti eventi diffusi nei quartieri”. La città gemellata quest’anno è Barcellona, mentre il focus tematico è intitolato “Le Afriche”.

Uno degli appuntamenti più attesi è in programma domenica e sarà dedicato alla Brexit: la prima tappa del Friendship Tour, con Lee Child, Ken Follett, Kate Mosse e Yoyo Moyes.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libreria Acqua Alta, centinaia di libri distrutti: “L’acqua alta ce l’aspettiamo, ma così alta no”. E la mareggiata distrugge anche l’edicola storica

prev
Articolo Successivo

‘Non passa lo straniero’, ovvero il potere della parola che piega la realtà

next