Sono sempre sorpreso e meravigliato per l’incredibile vitalità che ogni volta i Cinematti riescono a trasmettere. E questo piccolo miracolo social si è puntualmente ancora ripetuto in occasione della serata del 26 ottobre scorso, nel corso della quale questo gruppo, nato casualmente su Facebook, ha festeggiato i suoi primi dieci anni di attività. Una serata di grande partecipazione, di ricordi e di affetti che si rinnovano ogni volta che ci si incontra.

Un vero Amarcord! Ed è stato proprio il capolavoro di Federico Fellini il film scelto per celebrare il percorso di questa grande comunità, che a oggi vanta oltre 75mila adesioni di appassionati di cinema o semplici curiosi che giornalmente si affacciano sulla pagina per informarsi o confrontarsi su quello che accade nel mondo cinematografico, di ogni genere e di ogni epoca. Il titolo della serata, Amarcord – #10annicinematti, non è stato casuale. Un omaggio all’opera del regista riminese di cui nel 2020 si ricorderà il centenario della sua nascita.

Proiettare sul grande schermo la versione restaurata di questo film celeberrimo è stato un altro regalo che i Cinematti si sono voluti concedere con un anno di anticipo. Non sono mancate le sorprese e anche questa volta la straordinaria fantasia cinematta ha preso il sopravvento, grazie soprattutto alla giocosa creatività di molti di loro che nel corso della serata hanno messo in scena,tra l’altro, la riproduzione vivente del manifesto cinematografico di Amarcord.

Nella cornice del Cinema Beltrade di Milano, che ormai è la casa dei Cinematti, tra teglie di lasagne, rustici, sformato di pesce, focacce, tiramisù, panettone artigianale e altre prelibatezze preparate per essere condivise, si è aggiunto un altro pezzetto della storia di questo gruppo sempre meno virtuale.

I partecipanti sono giunti da ogni parte d’Italia, dalla Sicilia al Trentino, con la voglia di dimostrare ancora una volta che, se usati bene, i social possono rivelarsi una ricchezza utile a tutti. Prima della proiezione di Amarcord, Lamberto Mongiorgi e Giacomo R. Bartocci, che stanno girando il documentario Cinematti – Una Storia Folle, hanno voluto mostrare una piccola clip del loro lavoro ormai in post produzione.

È stato piacevole vedere i volti emozionati dei cinematti e delle cinematte che si sono riconosciuti e che sono stati coinvolti nelle riprese del documentario che racconterà questa bellissima esperienza partita il 26 ottobre del 2009. Ricordi, testimonianze, anedotti, storie personali e molto altro. Per tutti gli interessati la solita raccomandazione. Stay Tuned!

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

The Report, così gli Usa “istituzionalizzarono” la tortura. Steven Soderbergh produce un thriller che è puro anelito alla verità

next
Articolo Successivo

Torino Film Festival all’insegna dell’horror, Asia Argento presenterà un doc su Frida Kahlo

next