Non ci sarà la terza stagione de ‘La mafia uccide solo d’estate“. Ad annunciarlo è Pif che in un video pubblicato su Facebook ha spiegato dispiaciuto che la Rai ha deciso di non confermare la serie di Rai 1. “Non ci sarà – ha spiegato Pierfrancesco Diliberto che della serie era il regista (oltre che la voce narrante) – e piangiamo con un occhio solo, perché nella prima e nella seconda serie abbiamo detto delle cose molto importanti ed è già un miracolo che siamo riusciti ad arrivare lì. Certo, l’obiettivo era arrivare con la serie sino alla morte di Falcone e Borsellino, passando per tutti i morti ammazzati dalla mafia che la gente ignora spesso e volentieri, tipo Carmelo Iannì. Ormai ho smesso di dispiacermi. Al massimo la terza e la quarta serie ve la racconto io se ci incontriamo”.

Quella di Viale Mazzini è stata una scelta dettata probabilmente dagli ascolti che dalla prima alla seconda serie sono passati da oltre 5 milioni a 3,7 milioni di spettatori in prima serata con il 14,8 di share. Troppo poco, evidentemente, per la rete ammiraglia Rai.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Live Non è la D’Urso, Paolo Brosio: “Preti che abusano di minori? Chi se ne frega di questi casi”

prev
Articolo Successivo

Chef Rubio, dopo l’addio a Discovery ecco chi sarà il suo sostituto nel programma “Camionisti in Trattoria”: lo chef Misha Sukyas

next