Tutto è nato nel 2018, quando l’imprenditore Francesco Rizzica si presentò in procura con alcune telefonate registrate, raccontando di non aver versato la somma che, a suo dire, gli avrebbe chiesto per inserirlo in un dossier tv. Per questo Franco Fatone, inviato di moda e costume del Tg2, è stato sospeso in via cautelativa dalla Rai, in attesa della chiusura dell’istruttoria disciplinare in corso a suo carico. È stato infatti rinviato a giudizio dalla procura di Milano con l’ipotesi di induzione indebita a dare o promettere utilità.

Da una perquisizione su pc e chat del giornalista Rai, il pm Giovanni Polizzi contesta altre tre imputazioni a Fatone, che nega di aver mai preteso soldi, ma solo chiesto dei prestiti. Per il pm Fatone, in quanto giornalista Rai, è un incaricato di pubblico servizio: per questo il reato a lui contestato è induzione indebita e non corruzione tra privati. Tra i testi citati dal pm l’ex direttore del Tg2 Marcello Masi.

(screenshot tratto da YouTube)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attilio Fontana, Guardia di Finanza in Regione Lombardia: acquisizione di documenti sulla nomina dell’ex socio del governatore

next
Articolo Successivo

Luca Sacchi “si è difeso da colpi di mazza da baseball prima di essere ucciso”. Via libera per i funerali

next