Tutto è nato nel 2018, quando l’imprenditore Francesco Rizzica si presentò in procura con alcune telefonate registrate, raccontando di non aver versato la somma che, a suo dire, gli avrebbe chiesto per inserirlo in un dossier tv. Per questo Franco Fatone, inviato di moda e costume del Tg2, è stato sospeso in via cautelativa dalla Rai, in attesa della chiusura dell’istruttoria disciplinare in corso a suo carico. È stato infatti rinviato a giudizio dalla procura di Milano con l’ipotesi di induzione indebita a dare o promettere utilità.

Da una perquisizione su pc e chat del giornalista Rai, il pm Giovanni Polizzi contesta altre tre imputazioni a Fatone, che nega di aver mai preteso soldi, ma solo chiesto dei prestiti. Per il pm Fatone, in quanto giornalista Rai, è un incaricato di pubblico servizio: per questo il reato a lui contestato è induzione indebita e non corruzione tra privati. Tra i testi citati dal pm l’ex direttore del Tg2 Marcello Masi.

(screenshot tratto da YouTube)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attilio Fontana, Guardia di Finanza in Regione Lombardia: acquisizione di documenti sulla nomina dell’ex socio del governatore

next
Articolo Successivo

Luca Sacchi “si è difeso da colpi di mazza da baseball prima di essere ucciso”. Via libera per i funerali

next