C’è del lavoro vero e profondo anche dietro l’ideazione e la realizzazione di un’auto da corsa per strade virtuali, da videogioco. Se poi il videogioco in questione è Gran Turismo Sport, allora la questione si fa ancora più “seria”. Così il team di Jaguar ha messo insieme tutta la propria storia e visionarietà per dar vita, appunto, alla Vision Gran Turismo Coupé elettrica: un’auto progettata da zero ma che si ispira alle forme delle celebri C-Type, D-Type e E-Type, mentre per la sua inedita propulsione a zero emissioni non può che rimandare alla I-Type 4 di Formula E e alla I-Pace del campionato e-Trophy.

La nuova GT elettrica di Jaguar debutta il 26 ottobre al Gran Turismo World Tour, l’evento organizzato da Sony all’interno del Motor Show di Tokyo: ma per averla sulla propria Play Station 4 e sfrecciare a 320 km/h di velocità massima bisognerà attendere fine novembre. La coupé di Jaguar, a trazione integrale, sarà spinta da 3 motori elettrici per una potenza complessiva di 750 kW (1.020 Cv), per una coppia motrice di 1.200 Nm e uno scatto da 0 a 100 km/h in meno di 2 secondi.

Insomma, per gli appassionati ci sarà da divertirsi. Quanto alle forme, interne ed esterne, queste raccontano la storia del design della casa britannica, con l’iconico “Long-Nose” ripreso dalla D-Type, i parafanghi della C-Type e un abitacolo che richiama l’E-Type Lightweight, tranne che nella tecnologia. La Vision Gran Turismo Coupé è dotata, internamente, di vetri laterali a realtà aumentata, per dare al guidatore una maggiore percezione dei pericoli, e una strumentazione con informazioni 3D; non manca un sistema di intelligenza artificiale di bordo, chiamato KITT-E, che servirà alla gestione dell’interfaccia tra guidatore e auto. La Vision GT, con una monoscocca e compositi in fibra di carbonio, pesa circa 1.400 kg.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

FCA, a Mirafiori nasce il centro di assemblaggio batterie per auto elettriche

prev
Articolo Successivo

Fca-Psa, il matrimonio che serve ad entrambi. Ma non è solo vantaggi, ecco rischi e debolezze

next