Harry contro William. Si fa sempre più evidente la frattura interna alla Casa Reale Britannica con i due principi figli di Diana e Carlo sempre più l’uno contro l’altro. Quelli che sembravano essere solo pettegolezzi alimentati da voci di palazzo si sono rivelati essere in realtà veri e propri muri tra i due nipoti della regina Elisabetta. Tutto è incominciato quando Harry ha ammesso in un’intervista a Itv che lui e William sono ormai “su strade diverse”, rivelando che “non ci vediamo più così spesso come prima, le cose succedono perché tra fratelli ci sono giorni buoni e giorni cattivi”. Parole forti, a cui William ha subito replicato dicendosi “preoccupato” per le pressioni denunciate da Harry e Meghan nel documentario-intervista andato in onda domenica sera nel Regno Unito.

Il duca di Cambridge erede al trono ha riconosciuto “la situazione di fragilità” dei duchi di Sussex e ha detto di sperare che, dopo quanto accaduto nei mesi scorsi, ora possano “stare bene”. Nella doppia intervista Harry e Meghan avevano accennato al senso d’isolamento provato nei mesi scorsi e parlato fra l’altro di un atteggiamento ostile da parte dei tabloid britannici, con i quali entrambi sono in causa con accuse di violazione della privacy.

Le più classiche leggi del gossip vorrebbero la nuova arrivata – l’americana Meghan – pomo della discordia. Forse però la realtà è più complessa di così. E va indietro anni, a traumi e dolore difficili da cancellare: Diana, i tabloid. Per stessa ammissione di Harry del resto, che nell’intervista parte del documentario al centro delle rivelazioni tuona: “Non sarò forzato a prendere parte a un gioco che ha ucciso mia madre“. Phil Dampier, autore di “Royally suited: Harry and Meghan in their own words“, ha detto alla Press Association di non avere dubbi sul fatto che “la Regina e altri reali sono molto preoccupati per la strada che Harry e Meghan stanno prendendo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biga di Morgantina, il reperto archeologico rubato nella notte con un elicottero: arrestate 17 persone

next
Articolo Successivo

“Mario Cipollini è stato operato al cuore dopo le accuse dell’ex moglie”

next