Harry contro William. Si fa sempre più evidente la frattura interna alla Casa Reale Britannica con i due principi figli di Diana e Carlo sempre più l’uno contro l’altro. Quelli che sembravano essere solo pettegolezzi alimentati da voci di palazzo si sono rivelati essere in realtà veri e propri muri tra i due nipoti della regina Elisabetta. Tutto è incominciato quando Harry ha ammesso in un’intervista a Itv che lui e William sono ormai “su strade diverse”, rivelando che “non ci vediamo più così spesso come prima, le cose succedono perché tra fratelli ci sono giorni buoni e giorni cattivi”. Parole forti, a cui William ha subito replicato dicendosi “preoccupato” per le pressioni denunciate da Harry e Meghan nel documentario-intervista andato in onda domenica sera nel Regno Unito.

Il duca di Cambridge erede al trono ha riconosciuto “la situazione di fragilità” dei duchi di Sussex e ha detto di sperare che, dopo quanto accaduto nei mesi scorsi, ora possano “stare bene”. Nella doppia intervista Harry e Meghan avevano accennato al senso d’isolamento provato nei mesi scorsi e parlato fra l’altro di un atteggiamento ostile da parte dei tabloid britannici, con i quali entrambi sono in causa con accuse di violazione della privacy.

Le più classiche leggi del gossip vorrebbero la nuova arrivata – l’americana Meghan – pomo della discordia. Forse però la realtà è più complessa di così. E va indietro anni, a traumi e dolore difficili da cancellare: Diana, i tabloid. Per stessa ammissione di Harry del resto, che nell’intervista parte del documentario al centro delle rivelazioni tuona: “Non sarò forzato a prendere parte a un gioco che ha ucciso mia madre“. Phil Dampier, autore di “Royally suited: Harry and Meghan in their own words“, ha detto alla Press Association di non avere dubbi sul fatto che “la Regina e altri reali sono molto preoccupati per la strada che Harry e Meghan stanno prendendo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Biga di Morgantina, il reperto archeologico rubato nella notte con un elicottero: arrestate 17 persone

next
Articolo Successivo

“Mario Cipollini è stato operato al cuore dopo le accuse dell’ex moglie”

next