“Al di là delle singole dichiarazioni, ci confronteremo lavorando all’articolato definitivo quando torno a Roma, ricordiamoci che abbiamo approvato salvo intese, c’è la possibilità di fare ulteriori verifiche, non mi sottrarrò, ci metteremo attorno a un tavolo e verificheremo”: così il premier Giuseppe Conte all’ingresso del vertice Ue. “Stiamo già lavorando per riformare l’Irpef. Dobbiamo superare l’attuale regolamentazione, l’obiettivo è abbassare le tasse, non aumentarle, ma per farlo dobbiamo recuperare risorse che adesso sono nell’economia sommersa. Non si tratta di criminalizzare nessuno, l’obiettivo è pagare tutti per pagare meno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali Umbria, l’appello Berlusconi: “Il 27 tutti a votare, chiamate anche gli ex fidanzati”

next
Articolo Successivo

Allargamento Ue, Conte: “Il nulla di fatto? Su Albania e Macedonia errore storico”

next