“Un errore storico”. Così il premier Giuseppe Conte ha definito il nulla di fatto sul processo di allargamento ad Albania e Macedonia del Nord. “E’ andata male”, ha detto Conte spiegando che “non era necessario aprire, sarebbe bastato avviare la procedura. E’ stato un errore storico. Sono molto vicino all’Albania e alla Macedonia del Nord”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, Conte: “Equilibrata ma non mi sottrarrò a verifiche. Obiettivo abbassare tasse”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, il nuovo scudo penale tolto dal decreto Salva-Imprese dopo il no di 17 senatori M5s. I sindacati: “Alibi ad Arcelor per andarsene”

next