Da gennaio di quest’anno gli utenti Android che usano Google Maps possono segnalare gli ingorghi di traffico. Una novità che l’app di navigazione ha “preso in prestito” dalla concorrente Waze, che non è più tale da quand’è stata acquisita da Google. Questa stessa possibilità apre ora anche a chi usa il navigatore con un iPhone.

Analogamente a quanto accade con Waze, tutti gli utenti di Google Maps possono premere un pulsante quando sono in movimento, per segnalare blocchi improvvisi della circolazione e aiutare gli altri automobilisti che percorreranno la stessa strada. Nell’app Google Maps, il pulsante raffigura il segno più (+) ed è collocato a destra, sotto a quello per attivare e disattivare il volume. Una volta selezionato si vedranno le opzioni di segnalazione: non occorre digitare alcun testo, basta selezionare quella che riflette la situazione da evidenziare.

La novità per gli utenti iOS è in distribuzione da ieri tramite aggiornamento e include anche la segnalazione della presenza di autovelox. Con l’aggiornamento, che riguarda tutti gli utenti, saranno anche ampliate le opzioni per le segnalazioni, che d’ora in poi includeranno anche lavori in corso, chiusure di corsie, veicoli in panne e oggetti sulla strada (come detriti o altri tipi di rifiuti) .

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

iPad di settima generazione: premiati iPadOS, lo schermo e la tastiera, non è ancora il sostituto perfetto di un notebook

prev
Articolo Successivo

Libri, cala la produzione di e-book. Ma mancano i dati di Amazon e del self publishing

next