Waze, app di navigazione per smartphone, indicherà anche il costo dei pedaggi autostradali. L’aggiornamento è già stato pubblicato e verrà erogato gradualmente a tutti gli utenti. Si tratta di una funzione molto richiesta dagli utenti, che in Google Maps è assente. Quando si imposta un percorso, si potranno avere tutte le informazioni necessarie per decidere se sia la scelta migliore, anche dal punto di vista economico oltre che di chilometri e tempi di percorrenza.

Qualora l’orario di arrivo non fosse vincolante, l’utente potrà decidere di risparmiare sui costi optando per un percorso che richiede più tempo. In caso contrario, Waze offrirà un altro servizio molto interessante: effettuerà un confronto dei costi sulla base di diversi itinerari e valuterà l’orario migliore per la partenza. Si potrà così mediare di volta in volta fra spese e tempi di percorrenza.

Il “Costo Pedaggio” è stato sviluppato grazie alla folta community di Waze, che è da sempre la chiave del successo di questa app. Al momento si contano oltre 30 mila Map Editor, che raccolgono e condividono informazioni. Nel caso specifico dei pedaggi, i volontari hanno raccolto e inserito le informazioni sui costi dei pedaggi a livello territoriale.

Il product manager di Waze Moriah Royz ha spiegato che l’azienda è “entusiasta di introdurre in Italia il “Costo Pedaggio”. Grazie all’impegno fenomenale della Community di volontari siamo stati in grado di rendere realtà una delle funzionalità più richieste. Fino ad ora Waze ha cercato di ridurre il tempo speso nel traffico, ora aiutiamo anche gli utenti a risparmiare più denaro possibile, offrendo loro la miglior scelta in assoluto tra gli itinerari basati sia sulla preferenza dell’orario ottimale per partire sia su eventuali costi di pedaggio lungo la strada”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Che cosa dicono le piante? Ascoltatele con PlantWave

next
Articolo Successivo

Amazon Blink XT2 è la videocamera di sorveglianza smart per interni ed esterni con prezzi da 110 euro

next