L’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna entra nella storia: per la prima volta al mondo è stato eseguito con successo un trapiantato di vertebre umane in un paziente colpito da un tumore osseo. L’intervento, perfettamente riuscito, è stato eseguito il 6 settembre scorso su un uomo di 77 anni con forma maligna di tumore osseo: i medici hanno sostituito parte della colonna vertebrale con quattro vertebre umane, conservate nella Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico della Regione Emilia Romagna.

A coordinare l’equipe medica in sala operatoria è stato Alessandro Gasbarrini, direttore della chirurgia vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo del Rizzoli: “Il paziente è stato dimesso – ha spiegato Gasbarrini – È stato da noi circa un mese. Dopo i primi 15 giorni di controllo post operatorio è stato trasferito in un altro reparto, per la fisioterapia, dove è stato rimesso in piedi e in condizioni di avere una vita il più normale possibile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stelle cadenti d’autunno, sono in arrivo le Orionidi: picco tra il 18 e il 23 ottobre

next
Articolo Successivo

Utero artificiale, tra qualche anno potremmo assistere a una rivoluzione. Ma che dire delle perplessità etiche?

next