Ululati razzisti, il match fermato per due volte e in tutta risposta i saluti nazisti. È il racconto del comportamento dei tifosi bulgari durante la partita contro l’Inghilterra valida per la qualificazione a Euro 2020. Gli inglesi hanno vinto per 6 a 0, ma alcuni giocatori della nazionale (Raheem Sterling in particolare) sono stati oggetto di cori razzisti da parte dei sostenitori di casa. A Sofia la gara è stata fermata due volte nel primo tempo, dopo che una sezione di 5mila posti allo stadio nazionale Vasil Levski era già stata chiusa per via di altri episodi di razzismo durante le partite contro il Kosovo e la Repubblica Ceca a giugno. Quando è stata annunciata la sospensione del match, i tifosi hanno risposto con il braccio teso.

“Il vile razzismo che abbiamo visto e sentito ieri sera non deve trovare posto nel calcio e in nessun altro posto”. Sono le parole del primo ministro britannico, Boris Johnson su Twitter. “La Uefa – ha aggiunto – deve affrontare questi episodi, che sono una macchia sul calcio”. “Pieno supporto al ct Gareth Southgate e alla squadra per esser passati sopra a tutto questo. Adesso serve una azione rapida della Uefa”, ha concluso. Il massimo organismo del pallone europeo ha comunicato di aver aperto un’indagine.

Il primo provvedimento è stato preso invece in Bulgaria, dove il premier Boyko Borissov ha chiesto e ottenuto le dimissioni del presidente della federazione calcistica della Bulgaria, Borislav Mihaylov. “Oggi il presidente dell’Unione calcistica bulgara Mihaylov ha presentato le sue dimissioni, che verranno consegnate ai membri del comitato esecutivo nella riunione di venerdì”, ha affermato la federazione in una nota sul suo sito web. La decisione “causata dalla tensione, che è dannosa per il calcio bulgaro e il sindacato bulgaro”, ha affermato la nota.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, calciatori turchi esultano con il saluto pro-Erdogan: indagine Uefa. St. Pauli licenzia Sahin. Tifosi contro Calhanoglu e Demiral

prev
Articolo Successivo

Kitikaka (vintage version) – Ferruccio Gard: “Quando i ministri mi dicevano: quella battutina sulla Juventus meglio di no”

next