Chef Rubio nella polemica recente che lo ha riguardato non ha ragione, ma ragione da vendere. Anzi: le sue parole sulla tragedia di Trieste sono le poche sensate lette in un fiume di slogan e ipocrisie. Come è stato possibile che due sospetti in stato di fermo riuscissero a mettere a ferro e fuoco una questura? La vicenda è stata molto probabilmente una disgrazia legata, stando alle ricostruzioni, a una serie di sfortunate coincidenze, ma in primis dovranno accertare le autorità competenti se e quanto può aver pesato la negligenza di chi avrebbe dovuto vigilare sui due sospetti.

Se gli agenti abbiano messo in atto in maniera rigorosa tutte le procedure non è dato sapere al momento: ma qualcosa, va ammesso, potrebbe essere andato storto. Per quale motivo non va rimarcato? Cosa ci sarebbe di sbagliato nell’esprimere preoccupazione per la sicurezza collettiva?

Pretendere buonsenso da Matteo Salvini o da Giorgia Meloni, che passano la giornata a setacciare la rete a caccia di occasioni per montare casi, è una battaglia persa in partenza. Ma chi un briciolo di buonsenso ancora lo ha, capisce da solo che la tragedia umana e l’interesse pubblico alla diligenza nella pubblica amministrazione (soprattutto nel settore in assoluto più delicato, come quello dell’ordine pubblico) sono due temi distinti.

È lecito parlarne e assolutamente necessario farlo proprio quando qualcosa va storto; d’altronde ciò che dovrebbe interessare l’opinione pubblica non sono le biografie di chi ha perso la vita in quell’assurdo incidente, ma la sicurezza dei cittadini e lo standard garantito dalla forza pubblica. Chef Rubio ha dato voce alle preoccupazioni di molti cittadini, annichiliti dalla pioggia di retorica piovuta all’indomani della tragedia. Retorica a parte rimane inammissibile, assolutamente inammissibile che due ladri di motorini riescano a occupare una questura. Risposte certe e celeri dall’autorità sono il minimo che l’opinione pubblica possa pretendere.

Per quanto riguarda le imbarazzanti polemiche: invece di gridare (alla luna) contro un cuoco che ha fatto l’uscita più politica e sensata letta fino ad ora, vale la pena chiedersi perché sindacati di polizia marginali, in cerca di un po’ di visibilità, e politici, a parole attenti alle divise, non si spendono affinché lo standard di sicurezza venga garantito prima delle tragedie.

Dopo i funerali e il cordoglio aspettiamo, e probabilmente aspetteremo invano, che qualcuno affermi – con la stessa solennità con cui è stato chiesto rispetto per due servitori dello Stato – che in un Paese civile le questure sono inviolabili e devono essere protette da chi ha il compito di custodirle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Italia 5 stelle, urla contro i giornalisti all’arrivo di Virginia Raggi. Attivisti alla Iena Filippo Roma: “Venduto”

next
Articolo Successivo

Genova, scontro tra scooter e volante della polizia: morto 25enne. Poliziotto indagato

next