Le Sdf (Forze democratiche siriane), i battaglioni guidati dai curdi, hanno diffuso oggi un video di proteste all’interno del campo in cui sono detenuti i familiari dell’Isis. “Si ribellano per cercare di evadere” hanno scritto le autorità curde. Cinque donne, dopo la rivolta, sono state arrestate per aver lanciato sassi contro la polizia. L’altro ieri, nello stesso campo, che ospita circa 60mila persone, alcune donne hanno attaccato la sicurezza interna. In più, sono state trovate alcuni dispositivi esplosivi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manchester, accoltella quattro persone e gli agenti lo fermano con il taser: il video

next
Articolo Successivo

Noi stiamo con i curdi perché odiamo i bavagli

next