Avevano accompagnato i loro figli a vedere uno spettacolo di Frozen nel centro commerciale Le Piramidi di Torri Qartesolo, in provincia di Vicenza, ma quello che doveva essere un pomeriggio di allegria si era trasformato in una rissa finita poi davanti al giudice di pace, che ora ha condannato l’autrice della rissa, una donna di 43 anni, a pagare una multa di 700 euro e a risarcire la “rivale” di 2500 euro per le ferite riportate.

I fatti risalgono al 5 gennaio del 2016 ma la sentenza del giudice di pace è arrivata solo il 27 settembre scorso, come riferisce Il Giornale di Vicenza. Protagoniste della vicenda sono due mamme vicentine che avevano deciso di assistere con la famiglia allo spettacolo Frozen – Il mondo di ghiaccio: secondo quanto ricostruito in tribunale, tutto era cominciato perché una delle due mamme aveva messo la classica giacca sulla sedia per “prenotarsi” i posti in prima fila. Un gesto che non è stato gradito dall’altra mamma, che ha iniziato ad inveire e insultarla. Così in breve dalle parole si è passati alle mani, con la 43enne che, infuriata, ha colpito con un ceffone e alcuni pugni l’altra mamma. Il tutto davanti ai loro figli e agli altri bambini presenti.

Solo l’intervento dei carabinieri era riuscito a separare e calmare gli animi delle due e si era poi reso necessario anche l’intervento dell’ambulanza per soccorrere la vittima del pestaggio, che era stata trasportata in ospedale. Ora il giudice ha condannato la mamma che l’ha aggredita la quale però ha già annunciato di voler far ricorso, dal momento che la sua versione dei fatti è ben diversa: la 43enne sostiene infatti essere stata colpita lei da un ceffone, di essersi voltata e aver urtato senza volerlo l’altra donna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Djokovic, la sfida impossibile del tennista contro un lottatore di sumo. Prova a batterlo e alla fine mostra i muscoli ridendo

next
Articolo Successivo

Alba Parietti e gli uomini di potere: “Gianni Agnelli mi chiamava spesso, chiacchieravamo molto…”

next