Nissan è pronta per lanciare la nuova offensiva elettrica che mostrerà in anteprima al salone di Tokyo, in apertura dal 25 ottobre al 4 novembre prossimi. Tra i 14 modelli in esposizione per rappresentare il futuro della mobilità secondo la casa giapponese, anche il nuovo concept Imk: si tratta di uno urban commuter, un veicolo compatto 100% elettrico pensato e progettato per la mobilità urbana, e sviluppato su una nuova piattaforma per EV. Non se ne conoscono ancora i dettagli tecnici, tranne che sarà dotato dell’ultimo sistema ProPilot. Quanto all’estetica invece, linee pure e semplici, ispirate alla nuova idea di Nissan “Timeless Japanese Futurism”.

Se si parla di ProPilot, però, la vera novità è quella della nuova Skyline, ultima generazione della sportiva nata nel 1957 e che torna, nel 2019, con uno tra i più avanzati sistemi di guida semi-autonoma: il ProPilot 2.0, infatti, è il primo che consente di lasciare completamente le mani dallo sterzo quando l’auto è in movimento, ma solo se si sta guidando in autostrada – non su strade con traffico in due direzioni – e su un percorso stabilito, impostato quindi sul navigatore. La versione a benzina ha un motore V6 twin-turbo da 3.0 litri, con il modello 400R da 400 Cv che è la Skyline più potente di sempre.

All’appuntamento giapponese ci sarà anche spazio per GT-R 2020 in due edizioni speciali, una per i 50 anni del modello e l’altra, NISMO 2020, con freni in carboceramica e componenti esterni in carbonio (come i parafanghi, il tetto e il cofano motore) che hanno reso il peso della GT-R più leggero di circa 30 kg.

Tra gli altri modelli che il costruttore porterà al 46esimo Tokyo Motor Show, anche le nuove Leaf e+, Serena e-power. Il primo modello, tra le elettriche più vendute in assoluto con oltre 430 mila unità in tutto il mondo, ha acquistato un nuovo motore e nuove batterie con capacità di stoccaggio dell’energia che consentono alla Leaf e+ di raggiungere, nel ciclo WLTP, circa 385 km di autonomia, il 40% in più rispetto a quanto facessero le batterie della generazione precedente.

Serena e-power è, invece, il minivan lanciato sul mercato nel marzo di quest’anno e rinnovato lo scorso agosto: si presenta come uno tra i primi modelli ad aver adottato le alte tecnologie ProPilot e e-Power, il cosiddetto “elettrico a benzina” (novità eletta “Technology of the year” dalla giuria di esperti e giornalisti del settore per questa edizione del motor show giapponese).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tesla, aggiornato il software. Ci sono anche il karaoke e la funzione “chauffeur”

next
Articolo Successivo

Jump, debutta a Roma il bike-sharing elettrico firmato da Uber

next