“Vincere e avere successo è la mia ossessione”. Si confessa Cristiano Ronaldo nella sua lunga intervita concessa a Piers Morgan per la trasmissione Good Morning Britain. Durante la chiacchierata il campione bianco nero rivela il suo obiettivo a breve termine: “Diventare il calciatore che ha vinto più Palloni d’oro nella storia del calcio. Mi piacerebbe tantissimo e credo di meritarlo. Mi ripetono che sono il migliore mi sento orgoglioso, vuol dire che riconoscono il mio talento. Penso di essere bravo, ma la mia grande dote è la forza mentale”.

Non è solo il Cristiano Ronaldo calciatore quello andato in onda su ITV. Abbandona per qualche minuto il suo numero sette per racconta dei suoi esordi e, in particolare, delle sue “cene” al McDonald’s, durante il periodo trascorso allo Sporting Lisbona: “Avevo dodici anni ed ero senza soldi. Con i compagni di squadra condividevo la casa. Avevamo tutti la stessa età e venivamo da ogni parte del Portogallo”. E poi aggiunge: “Erano anni difficili, lontani dalla famiglia. Mi ricordo che c’era un McDonald’s vicino casa dove spesso andavamo a chiedere gli hamburger che avanzavano. Lì ho conosciuto una signora che si chiamava Edna. Lei e altre due ragazze ci regalavano i panini. Mi piacerebbe ringraziarle oggi, spero che raccontare questa storia mi aiuti a ritrovarle. Vorrei invitarle a cena a Torino o a Lisbona e ripagarle per quello che hanno fatto per me. Non lo dimenticherò mai”.

E qui scatta l’idea del giornalista sportivo Maurizio Pisticchi che su Twitter scrive: “CR7 a C’è Posta per Te: cerca due ragazze che lavoravano al McDonald’s quando lui aveva 11 anni. Maria, pensaci tu”. Che la De Filippi accetti il consiglio? Non resta che attendere l’avvio della nuova edizione del programma, dove Cristiano Ronaldo è ormai di casa. Il campione è già stato ospite nel 2012 e nelle ultima edizione dell’inverno scorso. Questa sarebbe un’ottima occasione per fare di nuovo visita agli studi Mediaset.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Morto Fernando Ricksen, l’ex campione dei Rangers perde la sua partita contro la Sla

prev
Articolo Successivo

Morta Jessica Jaymes, la pornostar è stata trovata senza vita: stroncata da un arresto cardiaco a 43 anni

next