“Scissione? Non va collegata a vicenda ministri”. Così taglia corto Matteo Renzi dopo le polemiche per la decisione di lasciare il Partito democratico, insieme a una trentina di deputati e senatori che lo seguiranno fuori dal Nazareno, una volta incassati alcuni ministri e sottosegretari. Renzi sfugge alle domande dei cronisti, rientrando nei suoi uffici a Palazzo Giustiniani, vicino al Senato, ma replica sul Pd: “Modello novecentesco di partito non basta più per rispondere al cambiamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scissione Pd. Da Lotti a Guerini, da Marcucci alla Morani: chi (per ora) non segue Renzi

next
Articolo Successivo

Renzi, Bersani: “Faccia quel che vuole, partiti personali scorciatoia per sbattere contro muro. Tornare nel Pd? Non ci sono porte girevoli”

next