“Scissione? Non va collegata a vicenda ministri”. Così taglia corto Matteo Renzi dopo le polemiche per la decisione di lasciare il Partito democratico, insieme a una trentina di deputati e senatori che lo seguiranno fuori dal Nazareno, una volta incassati alcuni ministri e sottosegretari. Renzi sfugge alle domande dei cronisti, rientrando nei suoi uffici a Palazzo Giustiniani, vicino al Senato, ma replica sul Pd: “Modello novecentesco di partito non basta più per rispondere al cambiamento”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scissione Pd. Da Lotti a Guerini, da Marcucci alla Morani: chi (per ora) non segue Renzi

next
Articolo Successivo

Renzi, Bersani: “Faccia quel che vuole, partiti personali scorciatoia per sbattere contro muro. Tornare nel Pd? Non ci sono porte girevoli”

next