Marco Carta ha scelto di essere giudicato con rito abbreviato nel processo che lo vede imputato assieme ad un’amica per il furto di magliette avvenuto il 31 maggio scorso alla Rinascente di Milano. La prima udienza si terrà il prossimo 20 settembre al Tibunale di Milano: il cantante era stato arrestato ma il suo arresto poi non fu convalidato dal giudice. L’istanza di abbreviato (processo a porte chiuse sulla base degli atti raccolti e con sconto in caso di condanna) condizionata all’acquisizione delle immagini delle telecamere sarà depositata dal legale Simone Ciro Giordano nella prima udienza del 20 settembre.

Nelle scorse settimane, il pm Nicola Rossato, titolare del fascicolo sul furto che vede indagati, oltre al cantante, anche la 53enne Fabiana Muscas, ha acquisito le immagini delle telecamere del grande magazzino milanese e ha sentito come testimoni alcuni dipendenti del negozio che si aggiungono ad altri testi già ascoltati. E questo per rafforzare l’ipotesi accusatoria secondo cui non solo la donna ma anche il vincitore del festival di Sanremo del 2009 sarebbe stato responsabile del furto. Convinzione che ha per altro portato il pubblico ministero a presentare ricorso in Cassazione – l’udienza è fissata per il prossimo 6 novembre – contro la mancata convalida dell’arresto del cantante da parte del giudice Stefano Caramellino. Convalida invece disposta per la donna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Peppino di Capri e la scomparsa della moglie: “Non sei mai preparato, anche se la malattia c’era da un anno”

next
Articolo Successivo

“Battute razziste”, turista milanese cacciato da un bed and breakfast di Palermo: “Felice di averti sbattuto la porta in faccia”

next