Dopo l’indagine “Alto Piemonte”, che aveva rivelato gli interessi della ‘ndrangheta nel bagarinaggio e nella curva Sud dello Juventus Stadium, e con l’interruzione, al termine del campionato 2017/18, di alcuni privilegi concessi ai gruppi della Curva Scirea, i capi ultras avevano reagito con una strategia definita “criminale” per “ripristinare” quei vantaggi soppressi ed affermare nuovamente la posizione “di forza” nei riguardi del club presieduto da Andrea Agnelli. Tra tutti, i “Drughi” (il più numeroso) è quello che spiccava per la capacità di recuperare centinaia di biglietti in complicità con rivenditori compiacenti su tutto il territorio nazionale.

Di fatto loro e altri gruppi secondo la procura di Torino ricattavano la Juventus. Ma, proprio dopo la denuncia della società bianconera, è scattata l’operazione che questa mattina ha portato all’arresto di 12 persone. Gli uomini della Digos di Torino hanno notificato i provvedimenti a capi ultrà della curva. L’operazione “Last banner”, coordinata dal gruppo criminalità organizzata della Procura di Torino, ha portato in carcere i capi dei Drughi, dei Tradizione, dei “Viking” e del “Nucleo 1985”. La contestazione è che ci fosse un accordo tra gli ultrà per mantenere il “controllo militare” della curva bianconera.

Secondo il pm Chiara Maina e il procuratore aggiunto Patrizia Caputo i capi di questi gruppi avevano costituito un’associazione a delinquere che ricattava esponenti della società per cercare di continuare ad avere biglietti agevolati per le partite all’Allianz Stadium e gestire così il bagarinaggio. “Abbiamo trovato le prove – hanno detto gli inquirenti in conferenza stampa – che queste cose venivano ottenute con la violenza”. Le ritorsioni consistevano anche in “cori razzisti” che potevano comportare “squalifiche” e “multe”. Ricordate gli striscioni di Juventus Napoli?”. Chi ha indagato sostiene che gli indagati “impedivano ai tifosi di tifare” con un controllo dovuta alla “forza intimidatrice”.

“La parte offesa è la Juventus, ma anche i tifosi, vittime di intimidazioni, costretti a non andare più allo stadio perché non riescono più a sopportare certe angherie, un certo clima, slogan razzisti che nello stadio della città hanno offeso Torino e il Piemonte – dice Paolo Borgna, procuratore reggente a Torino – Capisco che si possa pensare che è stata scoperta l’acqua calda, che i capi ultrà sono prevaricatori nei confronti degli altri tifosi – aggiunge il magistrato -. Ma questa indagine ha trasformato la conoscenza generica in precise prove di precisi reati attribuibili a determinate persone. Le indagini servono a questo, a raccogliere prove a carico di precisi individui da portare davanti a un giudice per un processo”.

Tra gli arrestati il capo assoluto dei Drughi, Dino Mocciola, già finito in carcere all’inizio degli anni Novanta per aver ucciso durante una rapina un carabiniere e considerato trait d’union delle infiltrazioni della ‘ndrangheta in curva, il suo braccio destro Salvatore Cava, il leader dei Tradizione Umberto Toia. In manette anche un altro volto storico del tifo, Beppe Franzo, presidente dell’associazione “Quelli di via Filadelfia”. Altre otto persone sono state arrestate: per tutti le accuse sono a vario titolo di associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata.

Trentanove le perquisizioni eseguite con la collaborazione delle Digos di Alessandria, Asti, Como, Savona, Milano, Genova, Pescara, La Spezia, L’Aquila, Firenze, Mantova, Monza, Bergamo e Biella, nei riguardi di 37 fra i principali referenti dei gruppi ultrà in questione (ed anche del N.A.B. – Nucelo Armato Bianconero), anch’essi indagati. per gli inquirenti è “accertata la capillare attività dei Drughi per recuperare centinaia di biglietti di accesso allo stadio per le partite casalinghe della Juventus, avvalendosi di biglietterie compiacenti sparse su tutto il territorio nazionale”. Tutti gli indagati sono colpiti da provvedimento Daspo fino a un massimo di 10 anni. Nel corso delle indagini sono state fatte 225mila intercettazioni. Tra il materiale sequestrato oltre a striscioni, stendardi, magliette, un bassorilievo raffigurante il volto di Mussolini e una targa con medaglia al miglior capo ritrovata nella casa del leader dei Drughi Gerardo Mocciola.

In vista del prossimo match all’Allianz Stadium tra i bianconeri e l’Hellas Verona, intanto, crescono i timori per l’ordine pubblico. Dopo lo striscione appeso in tarda mattinata nei pressi dell’impianto sportivo (“La Sud è morta”, si legge) parla il questore di Torino: “Quella di sabato era una partita già attenzionata. Sono due tifoserie con ideologie differenti. Ora aumentano i rischi perché sono prevedibili reazioni”, ha detto Giuseppe De Matteis.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali basket, la Spagna è campione del mondo: battuta l’Argentina per 95-75. Doppio titolo per il coach Scariolo dopo l’Nba

next
Articolo Successivo

Mondiali di nuoto paralimpico, l’Italia vince per la prima volta: conquistate 50 medaglie

next