Nei giorni della fiducia al governo giallorosso continua a crescere l’apprezzamento nei confronti del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Insieme aumenta anche la percentuale degli italiani che pensano a un esecutivo di lunga durata: per il 50% arriverà almeno fino al 2021. Tuttavia se si andasse al voto domani la Lega sarebbe ancora oggi il primo partito, nonostante un calo che oscilla, a seconda dei sondaggi, da meno due punti a meno quattro punti. Rispetto alle europee rimonta il Movimento 5 stelle, oggi tra il 19 e il 22 per cento, mentre resta stabile il Partito democratico. Cresce l’area di destra, con un guadagno per Fratelli d’Italia che varia dallo 0,3% al quasi punto e mezzo. È la fotografia delle ultime indagini realizzate dall’Istituto Ixè per Carta Bianca e da Euromedia e Noto per Porta a Porta. Diverse invece le rilevazioni sulla forza delle due compagini di governo: per Ixè oggi centrosinistra e 5 stelle insieme raggiungerebbero il 50,2 per cento, attestandosi come prima forza politica, mentre per i sondaggisti di Porta a Porta la percentuale non raggiungerebbe il 44%, con un centrodestra, invece, al 48%.

Ixè: Conte stacca Salvini. Esecutivo giallorosso primo nei sondaggi – Il Conte 2 piace “molto o abbastanza” al 35 percento degli italiani, mentre il 29% afferma di apprezzarlo “poco” e il 26,8 di non apprezzarlo. Tuttavia la maggior parte degli intervistati è convinto che l’esecutivo avrà lunga durata. Oltre la metà è convinta che potrà arrivare almeno fino al 2022, e cioè all’elezione del nuovo presidente della Repubblica. Alto comunque il numero di chi è convinto che il nuovo governo arriverà solo fino al prossimo anno (2020): sono uno su quattro, mentre per il 17% arriverà al massimo fino a Natale, cioè fino al termine della procedura per la legge di Bilancio. Se guardiamo alla fiducia verso i leader politici, svetta il presidente del Consiglio, che piace al 49 per cento degli intervistati. Il premier stacca così Matteo Salvini, fino a prima della crisi – maggio 2019 – leader imbattuto in termini di gradimento, che oggi scivola al 32%. Seguono a pari merito, Giorgia Meloni, Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti. Se si andasse al voto domani, secondo il sondaggio realizzato per Carta Bianca, la Lega rimarrebbe primo partito, con il 30% delle preferenze. In calo il centrosinistra e il Movimento 5 stelle, rispetto alla scorsa settimana: sono rispettivamente al 22,6 e al 22. Insieme, però, considerando anche altri gruppi di centrosinistra, i partiti attualmente al governo sarebbero votati da più della metà degli elettori (50,2%). Sale, di poco, Fratelli d’Italia, oggi al 7,9%. Un numero che, se sommato al 7,4 di Forza Italia e al 30 di Salvini, permetterebbe all’opposizione di centrodestra di raggiungere oggi il 45,3 % delle preferenze. Prevale poi la linea dello scetticismo tra gli elettori rispetto al programma: la maggior parte, il 53%, è convinta che la discontinuità rispetto al precedente esecutivo sarà parziale: in parte la linea sarà diversa e in parte confermerà quella del precedente governo. Se si guarda ai temi, poi, gli italiani chiedono soprattutto di evitare l‘aumento dell’Iva: è la priorità per il 38% degli intervistati. Al secondo posto c’è il taglio al cuneo fiscale: sentito dal 30 per cento. Segue il provvedimento chiesto a gran voce dal Movimento 5 stelle: il taglio dei parlamentari, voluto da un italiano su quattro. La modifica del decreto sicurezza, invece, voluta dal Pd, è prioritaria solo per l’8% degli intervistati.

Porta a Porta: Lega in calo, ma centrodestra al 48% – Secondo i sondaggi realizzati da Euromedia e da Noto per la trasmissione di Rai 1 condotta da Bruno Vespa, il Carroccio, pur restando primo partito è in calo, rispettivamente di 2 punti percentuali e di 4 punti, rispetto al periodo prima della crisi. Oggi è circa al 34 per cento. Un numero che, se sommato a quelli di Forza Italia e Fratelli d’Italia, tra il 5,5 e il 7 per entrambe le agenzie di sondaggi, permetterebbe al centrodestra, oggi all’opposizione, di attestarsi al 48%. La percentuale supera di quasi 5 punti percentuali i risultati della compagine di governo che, sommando le preferenze per Movimento 5 stelle (al 19 per Noto e al 19,7 per Euromedia), Partito democratico (al 22,5 e al 20,6) e Leu (al 2 e al 2,9%), sarebbe oggi al 43,5 per cento. Alla domanda invece quanto durerà il governo Conte 2, Noto e Euromedia hanno raccolto le stesse percentuali. Non andrà oltre la primavera per il 35% degli intervistati, mentre per il 27% durerà tra uno e due anni. Solo il 24%, inoltre, è positivo: l’esecutivo durerà fino a fine legislatura.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, il consiglio ironico di Monti a Conte: “Guardi alle opposizioni, io nel 2011 venni sostenuto anche da Meloni e Giorgetti”

next
Articolo Successivo

Ue, Conte: “Sui migranti c’è disponibilità per meccanismo temporaneo di condivisione. Chi non accoglie penalizzato su piano finanziario”

next