Il voto sulla piattaforma Rousseau del Movimento 5 stelle, per decidere se dare il via libera o meno al governo Pd-M5s, è stato fissato per martedì tre settembre. L’annuncio è stato pubblicato sul Blog delle Stelle poco prima della mezzanotte di domenica: è stato così rispettato il regolamento che richiede che la consultazione sia convocata almeno 24 ore prima. Gli utenti, il giorno del voto, avranno a disposizione il “programma negoziato” con i dem.

Nel testo si spiega sinteticamente su cosa dovranno esprimersi gli iscritti 5 stelle: “Nella giornata di martedì 3 settembre”, si legge, “si svolgerà la consultazione online su Rousseau per decidere se il MoVimento 5 Stelle debba far partire un governo, insieme al Partito democratico, presieduto da Giuseppe Conte. Potranno partecipare gli iscritti al MoVimento 5 Stelle da almeno sei mesi, con documento certificato. Il programma di governo negoziato con il Partito Democratico sarà consultabile online a partire dall’inizio del voto. Come da nostri principi e valori fondanti l’ultima parola spetta agli iscritti del MoVimento 5 Stelle”.

Le urne virtuali saranno aperte dalle 9 alle 18. Questo il quesito che sarà rivolto agli iscritti: “Sei d’accordo che il Movimento 5 stelle faccia partire un Governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte?”. In questi giorni, vari esponenti del Movimento hanno ribadito come la consultazione online sia da ritenersi vincolante per far partire o meno la nuova maggioranza. Il premier incaricato Conte, come ha dichiarato in diretta alla Festa del Fatto in Versiliana, intende terminare la formazione della squadra entro mercoledì e sciogliere la riserva durante questa settimana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, la diretta – Franceschini dà ragione a Grillo e propone: “Eliminiamo entrambi i posti da vicepremier”. Tutto il Pd con lui, compreso Zingaretti: “Contributo per sbloccare la situazione”

prev
Articolo Successivo

Governo, Salvini alla festa della Lega attacca Conte e difende Di Maio. Poi tende la mano al M5s: “Nostre porte sempre più aperte”

next