Per promuovere il sistema di guida semi-autonoma ProPilot 2.0, Nissan ha pensato di proporre un prototipo di pallina da golf “a guida autonoma”, cioè che arriva da sola in buca. Così come una guida nel traffico autostradale, anche una partita sul green può essere senza stress e senza “spiacevoli” sorprese. Il concept messo a punto da Nissan, infatti, prevede che ci siano delle telecamere a monitorare la sua posizione in movimento e poi dei sensori che, di fatto, aggiustino laddove necessario la traiettoria, guidando la pallina (che all’interno nasconde un motore elettrico piccolissimo) fin dentro la buca.

Al centro della campagna promozionale c’è la nuova Skyline che il marchio giapponese presenterà a Yokohama il prossimo mese: l’obiettivo è quello di dimostrare la versatilità del nuovo ProPilot 2.0 che debutterà proprio sulla berlina, variante nipponica della Inifiti Q50, che per supportare tale tecnologia si avvarrà di circa 14 tra sensori e telecamere.

Si tratta di un aggiornamento del sistema di guida semi-autonoma di Nissan che, per il momento, non ha eguali: è l’unico, infatti, a non prevedere la presenza delle mani del conducente sul volante – prerogativa di tutti gli altri sistemi – pur guidando in modalità autonoma. L’auto sarà in grado di compiere dei sorpassi, spostarsi da una corsia all’altra e soprattutto di imboccare l’uscita autostradale prevista dal percorso di navigazione impostato.

Quanto alla pallina da golf, che sarà possibile testare dal 29 agosto al primo settembre nel Nissan Global Headquarters Gallery di Yokohama, non è la prima volta che Nissan si diverte ad applicare la sua tecnologia di guida autonoma a qualcosa di completamente diverso da un veicolo: lo si è visto tempo fa con la ProPilot Chair, la sedia che “si mette in fila” e che nel 2016 è stata testata in oltre 20 ristoranti giapponesi, o ancora con le pantofole ProPilot Park Ryokan (per promuovere il sistema di parcheggio del ProPilot che debuttava sulla Leaf) che, dopo essere state indossate, tornavano a posto da sole.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Toyota e Suzuki, partnership e scambio di azioni. Obiettivi elettrificazione e guida autonoma

prev
Articolo Successivo

Auto, addio Euro 6. Dal primo settembre scattano le norme Euro 6d-Temp

next