FONTANAFREDDA – “Sicuramente è un fatto inconsueto, che non mi era mai accaduto prima durante il mio ministero di parroco e di sacerdote”. Don Andrea Della Bianca, che sovrintende alla parrocchia di San Giorgio Martire a Fontanfredda, in provincia di Pordenone, commenta con queste parole l’insolita epigrafe che ha annunciato il funerale di una donna di 86 anni. Perché le epigrafi vengono stampate e affisse ai muri di paesi e città per annunciare la scomparsa del caro estinto, accompagnando l’informazione, corredata di fotografia, con l’indicazione del luogo e dell’ora in cui si terranno i funerali e la sepoltura. Nel caso di Anita Facca, vedova Lisetto, invece è comparso uno strano invito. “Come espressamente richiesto dalla cara Anita non è gradita la presenza della figlia e del genero”. L’annuncio della morte, “con profondo dolore”, è stato dato dall’altro figlio, Loris, assieme alla nuora Luana e a tutti i parenti.

E’ stato proprio Loris Lisetto a mettersi in contatto con il parroco per definire i dettagli del funerale celebrato nella chiesa di San Giorgio Martire. Ed è stato in quella occasione che ha informato il sacerdote delle intenzioni della madre di non volere la la presenza della figlia. In molte famiglie si nascondono ruggini nei rapporti interpersonali, ma la decisione di interdire la presenza al funerale di un congiunto così stretto è sicuramente un fatto eccezionale. Intervistato da “Il MessaggeroVeneto”, Loris Lisetto ha dichiarato: “Ho solamente dato corso alla volontà di mia madre”. Da parte sua, il parroco ha celebrato il funerale senza che si verificassero episodi spiacevoli. “Conoscevo bene Anita, perché era una mia parrocchiana, a cui portavo regolarmente la comunione, quando non poteva uscire di casa” ha spiegato don Andrea. Sui motivi del dissapore familiare i parenti si sono chiusi in uno stretto riserbo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trapani, i bagnanti offrono aiuto alla venditrice ambulante: “Badiamo noi a tua figlia”. E una di loro racconta: “Un’Italia diversa da quella raccontata sui social”

prev
Articolo Successivo

Traversata per il clima, Greta Thunberg tra le onde: “Siamo a 300 miglia da Nuova Scozia”

next