Sono rimaste per ore al caldo a causa del malfunzionamento dell’impianto di areazione dell’allevamento. Diecimila galline sono morte così per asfissia in un’azienda agricola della Franciacorta, nella zona di Brescia. Stando all’inchiesta, il titolare dell’azienda agricola non aveva predisposto, così come imposto dalla legge, opportuni sistemi di allarme in grado di segnalare eventuali problemi del funzionamento del sistema di areazione dell’aria all’interno dei capannoni che ospitavano migliaia di galline ovaiole. L’uomo è indagato a piede libero e deve rispondere di uccisione di animali. I carabinieri forestali lo hanno inoltre multato, con un verbale da oltre 3mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, commozione alla fiaccolata in ricordo delle vittime. Zingaretti: “Adesso serve discontinuità”

next
Articolo Successivo

Roma, il funerale di Diabolik è un’altra pagina nera nella lotta ai poteri criminali

next