Sono rimaste per ore al caldo a causa del malfunzionamento dell’impianto di areazione dell’allevamento. Diecimila galline sono morte così per asfissia in un’azienda agricola della Franciacorta, nella zona di Brescia. Stando all’inchiesta, il titolare dell’azienda agricola non aveva predisposto, così come imposto dalla legge, opportuni sistemi di allarme in grado di segnalare eventuali problemi del funzionamento del sistema di areazione dell’aria all’interno dei capannoni che ospitavano migliaia di galline ovaiole. L’uomo è indagato a piede libero e deve rispondere di uccisione di animali. I carabinieri forestali lo hanno inoltre multato, con un verbale da oltre 3mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, commozione alla fiaccolata in ricordo delle vittime. Zingaretti: “Adesso serve discontinuità”

prev
Articolo Successivo

Roma, il funerale di Diabolik è un’altra pagina nera nella lotta ai poteri criminali

next