Una delle pornostar più famose del mondo, ora vive da senzatetto in un tunnel di Las Vegas. Jenni Lee, che oggi ha 37 anni e il cui vero nome è Stephanie Saddora, è ancora nella classifica delle migliori attrici porno al mondo: è posizionata al 119esimo posto. La notizia è rimbalzata all’improvviso e per caso. Infatti una troupe cinematografica olandese stava realizzando un documentario sul sistema di tunnel sotterranei a Las Vegas, costruito per proteggere la città da inondazioni improvvise. In uno di questi tunnel vive l’ex star del porno.

Quando è stato chiesto dal documentarista se fosse proprio Jennie Lee, lei ha risposto semplicemente: “Sì, in realtà sono stata molto famosa, forse un po’ troppo. Dovrei essere ancora tra le prime 100 in qualche classifica da qualche parte”. Dimagrita ma tutto sommato in salute, Jennie ha voluto tranquillizzare i fan: “Ho tutto ciò di cui ho bisogno qui. Le persone mi accettano senza riserve e i rapporti di amicizia sono genuini. Sono più felice adesso”.

Al suo attivo Jenni Lee ha oltre duecento film porno, è stata una delle più desiderate del mercato americano. L’attrice poi ha lasciato il mondo hard nel 2009 con l’idea di intraprendere un percorso da imprenditrice. Il suo obiettivo, infatti, era aprire una casa di moda. Ma non ce l’ha fatta. In seguito al fallimento del progetto, la donna ha visto sgretolarsi il piccolo impero economico che aveva messo da parte, grazie all’industria pornografica. Poi la scomparsa, fino al ritrovamento qualche settimana fa nei bassifondi di Las Vegas.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Heidi Klum, la ex modella posta una foto sexy e arrivano gli insulti: “Copriti nonna”, “Crisi di mezza età?”

next
Articolo Successivo

Nadia Toffa, Maurizio Costanzo: “Hanno creduto che bluffasse. Qualcuno si dovrebbe vergognare”

next