È la selezione professionale più orripilante di sempre. Uscite dalle vostre tombe, (sur)reali o social, morti viventi! C’è il casting che fa per voi. Il parco dei divertimenti “Nuovo Rainbow Magicland”, alle porte di Roma, assume 200 zombie. Se siete cresciuti a pane e horror, è questa l’occasione che fa per voi. Se volete ravvivare, per assurdo, la vostra esistenza, pure. Lunga, anzi eterna vita a lavoretti truculenti, ma spassosi, così. Anche se saranno scelti solo i figuranti più “talentuosi e convincenti, capaci di seminare il panico”. Magari a passo di bradipo.

AAA, cercasi “zombie, vampiri, clown terrificanti e mummie resuscitate desiderose di inseguire e terrorizzare i temerari ospiti che durante i fine settimana di ottobre, a partire dal 12 e il 31 ottobre”, giorno comandato del supremo Halloween, “si avventureranno nel parco”. Lo staff da paura avrà mandato e libertà di far venire la strizza in cinque appositi percorsi del terrore: l’Haunted Hotel e Zombie Attack, Doomed Circus, Vampire Dungeon e La Maledizione di Tutankhamon. Certo, il rischio di comicità involontaria è costantemente in agguato. Ma è sempre meglio non scherzarci troppo con i redivivi, i revenants cerei (di cerone) in viso e con gli occhi iniettati di sangue.

Per candidarsi è sufficiente compilare un modulo d’iscrizione online entro domenica 8 settembre. Le audizioni avranno luogo il 14 e 15 settembre nel “Gran Teatro” del Rainbow Magicland. La giuria, di “respiro internazionale”, sarà formata da mortalissimi professionisti del make-up. La spunteranno gli aspiranti più spaventosi per trucco, parrucco, determinazione e attinenza al ruolo. “Non sono necessarie esperienze precedenti o doti scenografiche” assicurano gli organizzatori. E nemmeno brama di carne umana. Ma l’essere stato dark o emo in gioventù, il possedere un immaginario costellato di messe nere e black metal e l’aver visto e rivisto qualche classico del genere (da George Romero a Wes Craven e Jim Jarmush, fino all’antenato “Il gabinetto del dottor Caligari” del 1919), non potrà che aiutare. I fortunati ingaggiati otterranno un contratto di lavoro terreno a tutti gli effetti. Zombie di tutt’Italia, svegliatevi, e candidatevi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“No al telefonino di notte, può provocare seri disturbi neurologici”: ecco perché

next
Articolo Successivo

Laura Morante: “Se mi faccio ritoccare, sopprimetemi”. L’attrice ha compiuto 63 anni (portati splendidamente)

next