Un nuovo video pubblicato dal Mail on Sunday sta mettendo in imbarazzo Buckingham Palace e tutta la Famiglia Reale. Si tratta infatti di un filmato inedito che immortala il principe Andrea, il figlio della regina Elisabetta fratello di Carlo, mentre esce dalla casa di Manhattan di Jeffrey Epstein, il finanziare americano morto in carcere e accusato di pedofilia, sfruttamento della prostituzione e traffico di minori, di cui il reale era amico personale.

Nelle immagini diffuse online, che risalgono al 6 dicembre 2010 – lo stesso giorno in cui Andrea fu fotografato mente camminava con Epstein a Central Park -, si vede il fratello di Carlo che da una porta-finestra saluta una donna che sta lasciando la casa. All’inizio del video si vede Epstein uscire di casa accompagnato da una donna bionda in abiti succinti. I due si intrattengono in una breve chiacchierata e poi lui sale nella sua auto guidata da un autista e se ne va. A questo punto l’inquadratura gira su una porta-finestra della dimora dalle quali spunta il fratello di Carlo che saluta un’altra donna che sta uscendo dal palazzo.

Il principe Andrea sembrava totalmente a suo agio nella casa di Epstein – ha rivelato una fonte anonima al Mail on Sunday -, c’erano ragazze che andavano e venivano. Era una giornata molto fredda e alcune tremavano. Tutti sapevano che Epstein era un pedofilo, tuttavia lui continuava a condurre il suo stile di vita sotto gli occhi di tutti”.

Non è la prima volta che il principe Andrea viene tirato in ballo nello scandalo finito con il suicidio in carcere di Epstein. Otto giorni fa la testimone chiave del caso ha raccontato di essere stata costretta a rapporti sessuali con diversi personaggi, tra i quali il reale, nel 2001, quando era minorenne. Accusa prontamente smentita da Buckingham Palace che, per il momento non ha ancora commentato sul video. Andrea in questi giorni è in vacanza in Spagna con la sua ex moglie Sarah Ferguson.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto Giulio Chierchini, addio allo storico disegnatore di Topolino: aveva 91 anni

next
Articolo Successivo

Vittorio Grigolo, l’ex professore di Amici rivela: “Mia moglie pensava fossi gay. Sesso estremo? Manette, frusta, maschera si può”

next