Twitter e Facebook hanno sospeso quasi mille account che diffondevano fake news sulle proteste ad Hong Kong. Eliminando questi profili i due social network hanno cercato di arginare quello che Twitter ha definito un comportamento “manipolativo” messo in campo da account legati al governo cinese, secondo quanto riferito dai due colossi social. I post mostravano come i manifestanti agissero in modo violento o fossero spinti da altre motivazioni nello scendere in piazza. Uno pubblicato su Facebook, addirittura, legava i manifestanti ai combattenti dell’Isis. Alcuni degli account hanno utilizzato delle Vpn, le reti private virtuali, altri, secondo quanto rende noto Twitter, pare abbiano avuto accesso alla rete direttamente dal territorio cinese.

Sono 936 gli account sospesi da Twitter che li ritiene parte di una campagna di disinformazione sostenuta dalla Cina e tesa a “seminare discordia politica ad Hong Kong, anche minando la legittimità del movimento di protesta politico”. “Sulla base di nostre approfondite indagini, abbiamo prove credibili che si tratti di un’operazione coordinata sostenuta dallo Stato – si legge in un post del blog del social media – Specificatamente, abbiamo identificato gruppi di account che si comportavano in modo coordinato per amplificare messaggi relativi alle proteste di Hong Kong”.

Facebook, che ha rimosso sette pagine, tre gruppi e cinque account, comunica in una nota che “anche se le persone dietro questa attività hanno cercato di nascondere la loro identità, le nostre indagini hanno rinvenuto legami con individui associati al governo cinese”. Le indagini del social di Mark Zuckerberg sono state condotte dopo le segnalazioni di Twitter.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Suicidio Epstein, il governo Usa licenzia il responsabile dei carceri federali. Riflettori dell’Fbi su Ghislaine Maxwell, ex del finanziere

prev
Articolo Successivo

Armi nucleari, primo test missilistico Usa a medio raggio dopo la rottura del Trattato Inf con la Russia. Cina: “Corsa agli armamenti”

next