Le “indimenticabili vacanze” di Gery Scotti a Ibiza. Il popolare conduttore di Canale 5 ha raccontato in un’intervista al Messaggero alcuni aneddoti divertenti del suo passato, tornando con la memoria all’estate del 1982,quella del Mundial, quando trascorse 15 giorni di divertimento e trasgressione con 8 suoi amici, nell’isola spagnola.

“Avevo 26 anni – ha iniziato a raccontare il conduttore di Caduta Libera –. Siamo arrivati con due macchine e due moto. Io avevo la Due Cavalli, quella di Baglioni. Siamo partiti a mezzanotte da Milano e siamo arrivati a Playa de Aro a mezzogiorno. Dodici ore filate, senza aria condizionata, con una macchina che di punta faceva ottanta all’ora. Oggi, quando dopo due ore al volante non ne posso più, ripenso a quel viaggio. La stanchezza non la sentivo proprio”.

Unendo i loro risparmi erano riusciti ad affittare una villa con la piscina: “Neanche i nostri genitori ci credevano quando hanno visto le foto“. Tanto divertimento sì, ma anche alcune regole: “Portare in casa le femmine era vietato – ha detto Gerry -. La movida doveva ancora nascere”. Si andava in discoteca, sì, ma “entro la mezzanotte, e si tornava al massimo alle due. Ma poi diciamoci la verità: se stavamo lì per un’ora e non cuccavamo niente, alla fine della prima consumazione tornavamo a casa a giocare a scopa. Eravamo ragazzini di periferia, non esattamente dei playboy”. E il momento più “hot” della vacanza è stato decisamente particolare: “Un mio amico per scommessa si è buttato con la bicicletta in piscina. Rincorsa, tuffo e non ti dico dove ha preso il manubrio. Per due giorni è andato in giro col ghiaccio in un certo posto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elon Musk: “Bombardiamo Marte con bombe atomiche”. Ecco il motivo che c’è dietro questa idea del miliardario visionario

next
Articolo Successivo

next