Tornati dopo una breve vacanza si sono ritrovati con la cassaforte smurata e completamente vuota, aperta con un flessibile. Dall’interno erano stai trafugati 1.600 euro in contanti e alcune monete d’argento. Subito sono corsi a denunciare il furto ai carabinieri, convinti che fosse opera di una banda di ladri ben organizzati che aveva approfittato della loro assenza. Ma dalle indagini è emersa un’altra verità: a svaligiare la loro cassaforte era stato il figlio 34enne, che ha poi speso tutti i soldi in escort e videogiochi.

È successo a Poviglio, in provincia di Reggio Emilia: il giovane è stato denunciato per furto aggravato e interrogato dai militari in caserma ha confessato tutto. Dal sopralluogo sul posto erano emerse le prime anomalie: la cassaforte era stata sì smurata e aperta ma nessun accesso dell’abitazione risultava forzato. Unico presente in casa durante l’assenza dei genitori era proprio il 34enne, che inizialmente aveva negato ogni responsabilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Daniela Santanché fa il punto sulla crisi di governo in diretta dalla spiaggia, ma ciò che accade alle sue spalle conquista l’attenzione

next
Articolo Successivo

Vasto, la sorpresa di Jovanotti per i due sposi: salta il concerto ma lui li ricompensa così

next