“Apriremo il parlamento come una scatoletta di tonno!”, lo slogan più radicale del “cambiamento” ha prodotto i risultati che sono sotto gli occhi di tutti, ma a Savona c’è qualcuno che si è messo letteralmente ad aprire le scatolette di tonno per trasformarle opere d’arte.
Roberto Scarpone è uno delle centinaia di ex-dipendenti della Ferrania travolti dalla crisi dell’azienda. Quando ha perso il lavoro, dieci anni fa, si è dedicato anima e corpo a una vecchia passione: la scultura.

“Come chimico – racconta – mi occupavo già di problemi ambientali perché lavoravo al depuratore delle acque della Ferrania, ma ora i problemi dell’ambiente stanno diventando la prima emergenza e tra questi c’è anche la pesca indiscriminata. Quando avremo sterminato tutti i tonni, senza dargli il tempo di ripopolare i mari, ci resteranno solo le scatolette. Da lì è nata l’idea di creare dei pesci di metallo a partire proprio dalle scatolette di tonno. Ho cominciato utilizzando le linguette come branchie, ma poi la gente ha cominciato a chiedermi i pesci più colorati, così ho iniziato a usare anche le scatolette della carne o dei pomodori. Per dargli una forma tridimensionale, le ritaglio creando una specie di origami di metallo che poi fisso su pannelli di legno recuperato dalle cabine dei bagni o dagli armadi destinati alla discarica. Le mostre che ho fatto con Lega Ambiente Liguria ad Albissola e a Genova, durante la mostra sui rifiuti che premiava le città virtuose, sono state un vero successo”.

Quando ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla scultura, Roberto Scarpone ha percorso per anni i boschi che circondano l’ex “città della pellicola”, cercando radici di castagni ormai secchi. Le forme più strane e fantasiose, sottolineate dal trapano e nobilitate dalla cera in uno scantinato di Savona, esaltano l’infinita fantasia di una delle foreste più grandi d’Europa, che, purtroppo, pochissimi conoscono.

Recentemente, la scelta di trasformare in sculture e composizioni le scatolette di tonno ha creato una specie di circuito virtuoso: “Ormai c’è un giro consolidato di persone che mi portano scatolette per alimenti di tutti i colori: sia clienti che hanno acquistato i miei lavori, sia amici o conoscenti. Non faccio in tempo a realizzare una nuova composizione che qualcuno me la chiede, ma la mia vecchia vera passione resta il legno. Non c’è nulla che eguagli la creatività degli alberi. Il problema è portare a valle le radici. Se sono grosse sono costretto a trascinarle. A Ferrania avevo un amico con un quad che mi aiutava. Adesso devo fare tutto a piedi.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’alienazione parentale continua a vittimizzare le donne nei nostri tribunali

next
Articolo Successivo

Essere belli è spaventoso

next