Un cantante, molto famoso, tra i più famosi oggi, mi ha detto che mi avrebbe fatto fare il suo videoclip a patto che fossi andata con lui. Ma non era tutto. Mi ha anche detto che il suo gatto avrebbe dovuto guardarci. A me piacciono molto i gatti ma non così tanto come piacevano a lui. Lui ama condividere le sue nuove fiamme con il gatto. Cioè lui mi ha invitato a casa sua, mettendo come condizioni il fatto che il gatto dovesse guardare. Sono rimasta sconvolta, ora ogni volta che sento le sue canzoni in pubblico scoppio a ridere”. A rivelarlo ai microfoni de I Lunatici su Rai Radio2 è Giulia Ragazzini, la prima italiana a vincere il titolo di Miss Europa.

La giovane ha parlato della sua esperienza al concorso di bellezza ma anche delle proposte indecenti che le arrivano sui social: “Su instagram arriva qualsiasi cosa. Dagli uomini che propongono di farmi indossare i vestiti delle mogli in cambio di denaro, agli aspiranti schiavi – ha raccontato ancora Giulia Ragazzini -. Dagli Emirati Arabi mi scrive tanta gente chiedendomi di fare dei selfie con i loro falchi. Qui abbiamo cani e gatti, lì vanno in giro con i falchi”.

“Questo è un mondo più sporco rispetto agli altri, ma ogni ambiente deve fare i conti con certe dinamiche. Offerte particolari? E’ successo varie volte, soprattutto per quanto riguarda i registi o cantanti, che ti promettono di farti fare i loro videoclip musicali – ha proseguito la giovane -. Magari può capitare che ti piace un cantante, gli lasci un like su Instagram, lui vede e ti manda un messaggio privato. Facendoti delle proposte indecenti“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiara Ferragni e Fedez, conto salato dopo la serata a Ibiza. L’influencer commenta: “E non c’era neanche la mia acqua”

next
Articolo Successivo

Nadia Toffa morta, la denuncia dell’agenzia funebre Taffo: “Nostro nome usato per post meschini sulla sua morte”

next