La musica classica e il mondo del pop in fondo non sono due dimensioni così antitetiche. Provengono dalla stessa radice: il concetto di musica popolare. Così si contaminano, ma sempre a distanza di sicurezza. A FqMagazine cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulla miriade di tormentoni che stanno caratterizzando (e assillando) la nostra estate musicale. Abbiamo interpellato, Giampaolo Bisanti, maestro e direttore stabile della Fondazione Petruzzelli di Bari. Teatro che è rinato dopo il terribile incendio del 1991 e diventato il fiore all’occhiello della cultura italiana, grazie anche agli investimenti mirati su giovani talenti dell’orchestra, scelti proprio da Bisanti.

“Quello che accomuna chi ascolta i tormentoni dei nostri giorni – spiega il maestro – è la mancanza del bagaglio culturale musicale che inevitabilmente porta l’ascoltatore a non distinguere un brano dall’altro. La musica è la prima arte che noi recepiamo. Ad esempio, io non ascoltavo solo la musica classica ma anche tutta la musica degli anni ’80 e i cantautori come Pino Daniele… E’ una questione di mood, di fruizione musicale e di un linguaggio che sta cambiando. Un ragazzo contemporaneo ha pochissimi codici e una grande varietà di offerta. Quando ascolta un brano si attacca subito ad un codice musicale che riconosce immediatamente. Ed è il caso di artisti come Benji e Fede e la loro ‘Dove e quando‘. Loro creano un tormentone con gli elementi base per far sì che la maggior parte della gente possa riconoscere in quel brano la hit successo che è quello dell’estate”.

“Oggi ci sono gusti molto più semplici e i ragazzi conoscono a memoria già dopo il primo ascolto i testi delle canzoni – prosegue Bisanti -. Sono lontane le estati di Claudio Baglioni o Marco Masini che hanno aperto un contatto diretto con l’ascoltatore, offrendo loro un ventaglio di parole e musiche ricco, che in qualche modo erano anche la fotografia della società. I testi dei tormentoni di oggi sono semplici, diretti e vengono premiati per una serie di variabili come come l’immediatezza, il tratto di un personaggio come il look, i tatuaggi, il fatto che è molto giovane e vicino alla età dei ragazzini. Alcuni cantano anche molto bene come Alessandra Amoroso con i Boomdabash in ‘Mambo Salentino‘”.

“Però è innegabile che con l’avvento di Internet e Spotify lo scenario si è aperto alla globalizzazione – continua il maestro -. Si è un po’ tutto annichilito. Per me la vera musica rock e pop finisce negli anni ’90. Dalla tecno in poi si è cominciato a deturpare l’aspetto melodico della canzone, pregiudicandone il riconoscimento. Chiunque può creare una canzone, condividerla sul Web e ottenere successo. Il risultato è l’appiattimento generale. Non ci sono più artisti riconoscibili come Renato Zero, Loredana Bertè o Anna Oxa”.

Tra i tormentoni più passati in radio e alti nella classifica dei singoli, Bisanti stila la pagella dei promossi. “Alessandra Amoroso mi piace molto – svela -. Anche Giusy Ferreri canta molto bene. J-Ax con la sua ‘Ostia Lido‘ rispecchia il suo essere comunicativo ed è per questo che mi ha colpito. Però io promuovo ‘Nuova Era di Jovanotti. Un artista che ha un background notevole, che è cresciuto, si è evoluto, ha suonato con bravissimi musicisti e lavorato con grandi produttori. ‘Nuova era‘ è lo specchio del suo mondo musicale che non mi lascia indifferente. Ed è anche per il suo puntare sull’estetica, la filosofia e la poetica che si pone in un piano differente rispetto ad artisti come Sfera Ebbasta o Fedez”.

E i tormentoni del passato? “Io ricordo soprattutto ‘Vamos a La Plaia‘ dei Righeira, a cui sono legato e che è stato un grandissimo successo. Ci sono anche ‘Vamos a Bailar‘ di Paola e Chiara e ‘Tre parole‘ di Valeria Rossi. Parliamo di cantanti che hanno vissuto un’altra epoca musicale, che vengono dalla gavetta e che si sono buttati nella mischia per comunicare qualcosa che è arrivato. Oggi invece si pensa ad andare a X Factor con l’obbiettivo di diventare una star, senza mai aver fatto una lezione di canto. E si sente”.

Su Giampaolo Bisanti – Sin da piccolissimo si innamora della musica, grazie anche al padre che aveva una voce da tenore, e studiando clarinetto e pianoforte entra al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, diplomandosi con il massimo dei voti. Da quel momento la sua carriera decolla e si attesta come uno dei migliori direttori d’orchestra della sua generazione, muovendosi dalla musica operistica ai capolavori di quella sinfonica. Appassionato di moto e tra i primissimi fan dei Pink Floyd a Giampaolo abbiamo chiesto perché un tormentone oggi ha successo e soprattutto le differenze tra i tormentoni del passato e quelli del presente

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I segreti dei direttori d’orchestra in due libri

next
Articolo Successivo

“Shallow è stata copiata”. Lady Gaga accusata di plagio da un cantautore statunitense

next