Wiko, produttore francese di smartphone molto attivo nelle fasce media e bassa del mercato, ha annunciato l’arrivo dell’Y50, un nuovo dispositivo entry level con display da 5″ ed un prezzo consigliato di 69,99€ che lo vede inserirsi in una delle fasce più economiche di prezzo per gli smartphone.

La scheda tecnica del Wiko Y50 – visto anche il prezzo – non è certamente da “urlo”, ma in linea con quella dei dispositivi della medesima categoria: display da 5″ con risoluzione FWVGA (854 x 480 pixel), CPU quad core da 1,3GHz, 1GB di RAM e 16GB di memoria (espandibile con micro SD da massimo 32GB), fotocamere frontale e posteriore da 5MP ed una batteria da 2.200mAh che promette un’autonomia in conversazione di 17h in 3G (43 in 2G) e fino a 305h di standby.

A permettere l’utilizzo di hardware inferiore agli standard odierni ci pensa Android Go (Oreo), versione del sistema operativo di Google pensato per essere eseguito su dispositivi con 1 GB o meno di RAM, che integra l’intero set di app Google in versioni pensate appositamente per essere più leggere e consumare meno risorse. L’Y50 supporta due sim (1 Micro + 1 Nano), ma non offre la connettività 4G, vedendo disponibile invece 2G e 3G (HSPA+), in più offre supporta WiFi e Blutooth (4.2).

Il target del nuovo smartphone di Wiko sono coloro alla ricerca di uno smartphone ultra economico e dalle dimensioni più compatte rispetto agli standard odierni, a cui il dispositivo interessa più per le funzionalità telefoniche e di messaggistica, vedendolo interessante per chi non è abituato ai dispositivi smart (grazie ad un’apposita interfaccia semplificata realizzata dal produttore francese) o per chi è alla ricerca di un telefono da utilizzare in contesti in cui non si vuole correre il rischio di guastare un dispositivo di fascia più alta, senza rinunciare però alle app di uno smartphone.

Il nuovo Wiko Y50 arriverà sul mercato nei prossimi giorni in due colorazioni (Dark Grey e Blue), il prezzo consigliato come anticipato in apertura sarà di 69,99€, vedendo il produttore rendere disponibili anche varie cover adatte al nuovo modello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aziende italiane vittime di phishing, l’anello debole della catena sono i dipendenti

prev
Articolo Successivo

Fortnite World Cup: anche un italiano tra i partecipanti al mondiale che ha incoronato campione in singolo il giovane Bugha

next