Mese solitamente più languido in quanto a film in sala, quest’anno agosto ci riserva ben 34 nuove uscite, a fronte delle 29 di luglio e delle 40 di giugno oramai scorse via. Così la lente d’osservazione stringe su una doppia coppia di titoli, una dalla solita America, l’altra dall’Italia.

Cominciamo con un lavoro iscrivibile nella rinverdita tendenza disneyana a plasmare celebri film d’animazione in nuovi live action. Il Re Leone, quello targato 2019 e in uscita il 21 agosto, si trasforma così in una favola dall’estetica reale. Non è uno strano gioco di parole, ma l’osservazione di risultati tecnici di gran lunga superiori a quelli raggiunti nel 2016 dal Libro della Giungla.

Ogni animazione trionfa sul grande schermo in tangibilità di animali senzienti nella savana. Ma quei colori cartooneschi che una volta stuzzicavano la fantasia in maniera fresca e delicata vengono meno, lasciando spazio a iperrealtà che pagano il prezzo della poesia per acquistare più voluminosità drammatica.

Firma la regia Jon Favreau, uno che ha diretto il primo Iron Man e successivamente ne è diventato l’assistente personale Happy Hogan, interpretato in diversi franchise. Dopo questa prova rocciosa di un ex-regista indie chissà se Favreau non sia destinato a diventare un nuovo pezzo forte di casa Disney e Marvel.

Riguardo alla narrazione di emozionante intrattenimento, Simba accompagnerà grandi e piccini in un percorso di formazione quasi amletico, ma finalizzato a buoni sentimenti come sempre. E con tante immancabili lezioni morali. Forse a scopo educativo per istruire i nuovi piccoli spettatori a seguire il mondo Disney in tutte le sue forme?

Un agosto ricco al cinema. Tra le uscite: Il Re Leone, Fast & Furious, The Nest, L’ospite

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Charlie says, il male assoluto in un biopic sulle adepte del santone killer Charles Manson

prev
Articolo Successivo

Piero Tosi morto, addio al costumista Premio Oscar: lavorò con Zeffirelli, Visconti e Pasolini

next