Un calo così marcato non si vedeva da luglio 2016: a giugno l’export tedesco ha segnato la flessione più forte da tre anni su base annua con un -8%. Su base mensile, si è registrato un -0,1%. Dati che confermano il peggioramento del settore manifatturiero per l’impatto delle tensioni commerciali in un Paese dove la diminuzione della produzione industriale si è confermata peggio delle stime. E dove il mantra dell’austerity di Angela Merkel e della Grosse Koalition finisce nel mirino, mentre gli economisti chiedono maggiori investimenti. Anche a costo di non rispettare i vincoli di bilancio.

Le importazioni sono diminuite del 4,4% annuo, mentre su base mensile si è avuto un +0,5%. E anche la bilancia commerciale della Germania peggiora, evidenziando un surplus in calo più del previsto: è sceso a 16,8 miliardi dai 20,6 del mese prima, un livello inferiore alla stima media di 19,5 miliardi. A giugno il surplus commerciale si è attestato a 16,8 miliardi di euro, contro i 20,6 miliardi del mese precedente. Gli analisti si aspettavano una flessione più contenuta a 19,5 miliardi. Le esportazioni sono scese dello 0,1%, contro l’aspettativa di una variazione nulla, mentre le importazioni sono aumentate dello 0,5%, più delle stime (consensus +0,3%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo spread chiude a 209 punti, rendimento Btp a 1,54%

next
Articolo Successivo

Iva, studio della Commissione Ue: Italia prima in evasione, nel 2017 persi 33,6 miliardi di euro

next