Calo maggiore del previsto per la produzione industriale in Germania. A giugno l’indice destagionalizzato sulla produzione industriale della maggiore economia dell’Eurozona ha segnato una flessione dell’1,5 per cento rispetto al mese precedente e del 5,2 per cento su base annua. Lo indicano i dati provvisori dell’Ufficio federale di statistica (Destatis). Gli analisti si aspettavano un ribasso mensile dello 0,5 per cento e annuo del 3,1.

A maggio 2019, il dato corretto mostra un aumento della produzione dell’industria dello 0,1% rispetto ad aprile 2019 e del -4,4 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. A giugno 2019, la produzione nell’industria, esclusa l’energia e l’edilizia, ha registrato un calo dell’1,8%. All’interno dell’industria, la produzione di beni intermedi è diminuita del 2,0% e la produzione di beni strumentali del 1,8%. La produzione di beni di consumo ha registrato un calo dell’1,4%. Al di fuori dell’industria, la produzione di energia è diminuita dell’1,6% a giugno 2019 e la produzione nel settore delle costruzioni è aumentata dello 0,3%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Avastin-Lucentis, se il Servizio sanitario sceglie le cure meno care

next
Articolo Successivo

Investimenti, quanto ‘paga’ essere risparmiatori?

next