Calo maggiore del previsto per la produzione industriale in Germania. A giugno l’indice destagionalizzato sulla produzione industriale della maggiore economia dell’Eurozona ha segnato una flessione dell’1,5 per cento rispetto al mese precedente e del 5,2 per cento su base annua. Lo indicano i dati provvisori dell’Ufficio federale di statistica (Destatis). Gli analisti si aspettavano un ribasso mensile dello 0,5 per cento e annuo del 3,1.

A maggio 2019, il dato corretto mostra un aumento della produzione dell’industria dello 0,1% rispetto ad aprile 2019 e del -4,4 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. A giugno 2019, la produzione nell’industria, esclusa l’energia e l’edilizia, ha registrato un calo dell’1,8%. All’interno dell’industria, la produzione di beni intermedi è diminuita del 2,0% e la produzione di beni strumentali del 1,8%. La produzione di beni di consumo ha registrato un calo dell’1,4%. Al di fuori dell’industria, la produzione di energia è diminuita dell’1,6% a giugno 2019 e la produzione nel settore delle costruzioni è aumentata dello 0,3%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Avastin-Lucentis, se il Servizio sanitario sceglie le cure meno care

prev
Articolo Successivo

Banche, Tria firma il terzo (e ultimo) decreto per la presentazione delle istanze al Fondo Indennizzo Risparmiatori

next