Urla e gemiti che provengono da parchi e giardini: è questa la segnalazione che negli ultimi giorni è arrivata alla polizia in una serie di chiamate fatte da cittadini allarmati dai versi che sentivano nella notte. Una volta arrivati sul posto però, gli agenti non si sono trovati davanti una coppia di amanti focosi, bensì due ricci intenti ad accoppiarsi. Succede in Germania, come riferisce il Guardian, dove in questi giorni le persone stanno tartassando il 110 (il numero tedesco per le emergenze) preoccupati dai gemiti fortissimi che si sentono nella notte, ignari che questi provengano dai piccoli animaletti che proprio nel periodo estivo hanno la loro “stagione dell’amore“.

L’ultimo caso segnalato è avvenuto ad Augusta, dove il guardiano di una scuola elementare è stato svegliato da questi rumori e ha subito chiamato la polizia: assieme agli agenti ha ispezionato l’area del cortile trovando una coppia di “visitatori con gli aculei”, come ha poi diligentemente scritto la polizia nel suo rapporto, che “stavano copulando”. Non solo, nel documento intitolato “Intrusi spinosi” si legge anche che questi animali, niente affatto spaventati dalle luci dei campi accese, hanno continuato indisturbati a fare quello che stavano facendo.

Sempre in Baviera ma tre anni fa invece, un uomo ha chiamato la polizia spaventato perché sentiva qualcuno ansimare nel suo sottoscala: una volta arrivata, hanno scoperto che si trattava di una coppia di ricci che si era “appartata” sotto al suo ingresso di casa. Quella volta però, spaventati dalla luce delle torce, i due animaletti colti in flagrante erano scappati.

Una veterinaria dell’Università Ludwig Maximilian di Monaco, esperta in istrici, ha spiegato al Guardian che “i ricci gemono rumorosamente durante il loro rituale di accoppiamento, che può durare ore, e sono i maschi a fare più rumore”, precisando che ai non esperti i loro versi risultano spesso indistinguibili da quelli umani. Il rituale di accoppiamento del riccio è una pratica molto lunga ed è nota in tedesco come Igelkarussell (sui social spopola anche come hashtag), letteralmente “giostra del riccio”, e si svolge su una superficie di circa 40 metri quadrati.

Così, il personale dei servizi di emergenza tedeschi ha ricevuto la consulenza di esperti di ricci che li esortano a evitare di disturbare gli animali, anche perché le popolazioni di ricci urbani sono diminuite drasticamente negli ultimi anni e sono in pericolo. La torcia spaventa gli animali e spesso interrompe l’accoppiamento, ma l’osservazione silenziosa di solito non li disturba.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chiamano un altro prete per il funerale: sacerdote si offende, arriva in chiesa ubriaco e picchia i parenti

prev
Articolo Successivo

Troppi nostalgici del nazismo, l’Austria pronta a ristrutturare la casa natale di Adolf Hitler: “Impediremo i pellegrinaggi qui”

next